6 Febbraio 2013

Colosseo, il Tar sblocca la gara Conto alla rovescia per i lavori

Colosseo, il Tar sblocca la gara Conto alla rovescia per i lavori

 

 

Il restauro del Colosseo, bloccato dalla disputa giudiziaria tra le ditte, potrebbe partire presto: il Tar ha pubblicato ieri il dispositivo che accoglie il ricorso della Gherardi Costruzioni, prima classificata poi non ammessa per aver presentato la documentazione in ritardo. La soprintendente ai Beni archeologici, Mariarosaria Barbera, si dice sollevata: «A questo punto – spiega – le procedure proseguiranno con la firma del contratto e la redazione del progetto esecutivo da parte della società incaricata. Ci avvarremo di tutti gli strumenti di legge utili a ridurre i tempi per le operazioni propedeutiche all’ apertura del cantiere. In ogni caso, entro i tre mesi previsti, i ponteggi saranno montati sulle prime cinque arcate oggetto della pulitura e del successivo restauro conservativo». Dal Mibac non nascondono la soddisfazione per una sentenza che è arrivata celermente e che dovrebbe consentire l’ affidamento del cantiere e quindi l’ avvio dei lavori, peraltro improcrastinabili, per il restauro. È una buona notizia per il Colosseo – dicono -e per i beni culturali del Paese. Finalmente si potrà dare concretezza alla collaborazione con il gruppo Tod’ s – fanno ancora sapere dal Mibac – e a un’ iniziativa di mecenatismo davvero straordinaria. Entusiasta Alemanno: «Evviva! Con questa decisione, i cantieri del restauro possono aprire. Faccio un appello a tutti, e ai giudici, perché non ci siano altri impedimenti». Andrea Gherardi, socio di maggioranza del gruppo, esulta: «Una notizia fenomenale. Ero fiducioso, ma festeggerò solo quando sarò sul cantiere. Se il ministero si sveglia, facciamo il progetto esecutivo in due mesi». E però l’ impresa sconfitta, la Lucci Salvatore, è intenzionata a impugnare la sentenza: «Attendiamo le motivazioni – dichiara Diego Vaiano, legale della società – ma ricorreremo di sicuro al Consiglio di Stato». I vincitori sperano che la guerra di carte bollate non causi ulteriori ritardi: «È un’ ipotesi – Gherardi ne è consapevole – ma, come è accaduto per le azioni del Codacons, mi auguro che non sia motivo di sospensione». Il ministero dei Beni culturali, che ha più volte ribadito di sentirsi «un atleta pronto a partire», non si sbilancia: «Le sentenze si rispettano – è il commento dal Collegio Romano – e guardiamo con favore a tutto ciò che può accelerare l’ inizio dei lavori». Se la cautela è d’ obbligo prevale comunque l’ ottimismo. Tra due settimane dovrebbero aprire anche i cantieri preliminari della linea C sulla tratta San Giovanni-Colosseo: lo ha annunciato l’ ex assessore alla Mobilità, Antonello Aurigemma, che ieri ha lasciato l’ incarico. E nella zona tra l’ Anfiteatro Flavio e via dei Fori Imperiali, i carabinieri hanno multato per oltre 15 mila euro quattro ambulanti abusivi. Maria Egizia Fiaschetti RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox