15 Giugno 2007

CODICE STRADALE IL CODACONS ANNUNCIA UN ESPOSTO

CODICE STRADALE IL CODACONS ANNUNCIA UN ESPOSTO

La patente a punti? Metà Italia la ignora



ROMA TANTE MULTE, pochi i punti tolti dalle patenti degli italiani. O almeno, se il provvedimento viene preso, in tanti casi non viene comunicato al ministero dei Trasporti. Così almeno, secondo i dati contenuti in un servizio dell`Espresso, accade in 4.340 Comuni italiani su 8.157. In quasi la metà dei Comuni, quindi, i vigili non avrebbero mai comunicato al ministero una sola decurtazione dei punti della patente. Più in generale, “lo spauracchio del ritiro della patente“ ha funzionato per tre anni, ma ha “esaurito la sua spinta“: nel primo anno di applicazione del provvedimento i morti al volante erano diminuiti del 18%, per passare a un -5,6% nel 2005 e allo 0,3% indicato dai primi dati ufficiosi del 2006. SOLO UN automobilista su 700, in quattro anni dall`introduzione della legge, ha dovuto rifare l`esame a seguito dell`azzeramento dei punti, mentre “28,5 milioni vantano una fedina automobilistica immacolata con 22 punti all`attivo, il massimo. Solo sette milioni (uno su cinque) hanno subito una decurtazione e ben 127.861 sono riusciti a recuperarla frequentando i corsi di riparazione delle scuole guida“. La `capitale` delle multe senza segnalazione alla struttura centrale è Vibo Valentia, scrive l`Espresso, dove la polizia municipale “stacca verbali per 330mila euro ogni anno (comunque pochi rispetto agli altri Comuni), ma in compenso non ha mai sfiorato con un dito la patente di uno dei suoi 23mila automobilisti su 34mila abitanti, né quella di turisti e passanti che incrociano nelle sue strade“. Dati “a dir poco allarmanti“ è stato il commento del Codacons. Che ha annunciato di voler presentare un esposto in 102 procure della Repubblica perché si accertino omissioni e manchevolezze.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox