18 Aprile 2003

CODICE MINORI E TV: L?INTESA DENUNCIA UNA SERIE DI GRAVISSIME VIOLAZIONI

CODICE MINORI E TV: L?INTESA DEI CONSUMATORI DENUNCIA UNA SERIE DI GRAVISSIME VIOLAZIONI COSTANTEMENTE LE TRASMISSIONI RAI E MEDIASET NON RISPETTANO LE DISPOSIZIONI DEL CODICE E NON BASTANO SEMPLICI RICHIAMI!

L?INTESA SI RIVOLGE ALL?AUTORITA? PER LE TLC E CHIEDE SANZIONI SEVERE FINO ALLA SOSPENSIONE DEI PROGRAMMI!!








Il 29 novembre 2002 e? stato emanato, dal Ministero delle Comunicazioni, il ?Codice di autoregolamentazione tv e minori?.
L?art. 2.5 di questo Codice, relativo alle cosiddette ?Trasmissioni di intrattenimento?, prevede il divieto, per le Imprese televisive, di trasmettere ?quegli spettacoli CHE PER IMPOSTAZIONE O PER MODELLI PROPOSTI POSSANO NUOCERE ALLO SVILUPPO DEI MINORI?. Tale articolo vieta inoltre esplicitamente tutti quei programmi

?a) che usino in modo strumentale i conflitti familiari come spettacolo creando turbamento nei minori, preoccupati per la stabilità affettiva delle relazioni con i loro genitori;

b) nelle quali si faccia ricorso gratuito al turpiloquio e alla scurrilità nonché si offendano le confessioni e i sentimenti religiosi.?


Al contrario, nella realtà della programmazione quotidiana, tale articolo viene, purtroppo, COSTANTEMENTE VIOLATO con la trasmissione di spettacoli che l?Intesa dei consumatori considera ?per impostazioni o per modelli proposti?, CERTAMENTE LESIVI dello ?sviluppo dei minori?. Tale programmazione avviene proprio all?interno della cosiddetta ?fascia protetta? di programmazione, dalle ore 16,00 alle ore 19,00 (prevista dall?art. 3 del Codice stesso), DESTINATA ESPLICITAMENTE AI MINORI DA 0 A 14 ANNI!

Prendiamo allora come esempio, a titolo esemplificativo, la programmazione del giorno 7 aprile 2003, (tranne per la trasmissione al Posto Tuo, per la quale sono state prese in considerazione le puntate del 10 e 11 aprile) per evidenziare cosa i minori sono costretti a subire quotidianamente durante la LORO ?fascia protetta?.



A) AL POSTO TUO

Subito prima l?inizio della fascia protetta, ma comunque proprio nel momento in cui vi e? un?altissima percentuale di bambini davanti la televisione, immediatamente dopo l?ora di pranzo, viene trasmesso su Rai2 AL POSTO TUO. Addirittura due intere puntate, quelle del 10 e dell?11 aprile, sono state dedicate alla sistematica ?lapidazione? di una povera ragazza, accusata dalla madre e dall?amica di non voler più partire per un viaggio a Londra perché ancora innamorata del suo ex ragazzo. Si e? arrivati, nel corso di queste due puntate, a momenti di violenza morale e psicologica inauditi e assolutamente ingiustificati, con l?amica che confessa in diretta alla ?protagonista? di aver avuto una storia con il suo ex-ragazzo e che dunque lei non deve più pensare a quel ?bastardo? (termine ripetuto urlando più volte, tra gli applausi del pubblico). Sino ad arrivare al clou, quando il nuovo fidanzato di questa povera ragazza ha cercato di ?smascherare? l?ex fidanzato (in modo da convincerla a partire con lui per Londra) in un confronto tra loro due con le telecamere nascoste? trasmesso invece naturalmente in diretta! E finalmente gli autori del programma hanno avuto la soddisfazione professionale di poter rivelare a tutta l?Italia, attraverso l?inganno delle telecamere nascoste, che l?ex ragazzo non amava più la protagonista della puntata? Ma il diritto alla privacy??… e? legittimo per un programma televisivo del servizio pubblico carpire informazioni riservate con questi mezzi vergognosi?? E che tipo di esempio o di modello e? questo per i bambini all?ascolto??


B) SENTIERI

Su Rete 4 va in onda SENTIERI, una famosa soap opera. Al di là di ogni valutazione artistica, qui di seguito riportiamo il contenuto del dialogo andato in onda alle 16,20 di lunedì 7. Una madre, in lacrime, confessa ai propri figli:


?Ho spento la macchina che teneva in vita zio Richard.?

?Ma lo hai detto a sua moglie??,
chiede il figlio.

?No, lei non avrebbe voluto? risponde la madre.

?Allora, forse e? per quello che lui ha chiesto a te di ucciderlo. Ma quanto sarebbe vissuto ancora??,
si informa il figlio.

?Non lo so, sarebbe rimasto paralizzato e sofferente per tutta la vita.? ?Mamma, sono contento che l?abbia ucciso tu.?


Anche qui sembra evidente che questo tipo di melodrammi, che per creare audience ?scavano? nei drammi familiari, non sono adatti certamente a un pubblico di bambini.



C) UOMINI E DONNE

Su CANALE 5, sino alle 16,15 viene trasmesso UOMINI E DONNE, un programma dove pretendenti di tutte le età si presentano in studio per sedurre alcune ?prede?, con situazioni volgari e dialoghi spesso lascivi, certamente non adatti ai minori da 0 a 14 anni. A solo titolo esemplificativo, i minori all?ascolto di questo programma, alle 16,00 circa di lunedì 7 aprile, hanno dovuto subire il commento ?filosofico? della ?preda?, una ragazza che, indecisa tra 3 ragazzi, chiede consiglio, anche alla gente che incontra casualmente per strada, su chi dei 3 deve scegliere? In altre puntate, le pretendenti spesso si esibiscono seminude in balletti ?erotici?, tipo danza del ventre, per conquistare le loro prede.
Ci si chiede veramente a che modelli di relazioni abbiano diritto i minori, costretti a subire questo tipo di messaggi proprio nella LORO fascia protetta.



D) VERISSIMO

Successivamente, sempre su CANALE 5, viene trasmesso VERISSIMO, un rotocalco di informazione scandalistica rivolto a un pubblico adulto.
Sempre a titolo esemplificativo, sempre lunedì 7 aprile, alle ore 17,10, e? stato trasmesso un servizio giornalistico in cui sono stati intervistati gli amici del ragazzo ucciso a Napoli, mentre difendeva il suo motorino da dei rapinatori. A questi ragazzi in lacrime, probabilmente minorenni ed evidentemente sconvolti, e? stato chiesto cosa provavano per la morte del loro amico. La risposta e? stata una banale, ma tremendo: ?C?e? solo spazio per la vendetta.? Una risposta evidentemente naturale ma, proprio per questo, da non riportare così superficialmente in televisione, e soprattutto non durante una ?fascia protetta.?



E) IL GRANDE FRATELLO

Sempre su Canale5, dalle 18,30 alle 19,00, viene poi trasmesso IL GRANDE FRATELLO. Sempre dal giorno 7 aprile, si riportano alcuni sprazzi di ?vita quotidiana?. Alle 18,40 Victoria urla contro il fidanzato Pasquale (?Perché tu sei proprio pazzo!?) perché lui non vuole fare l?amore in diretta sotto lo sguardo delle videocamere? sic! Subito dopo Floriana prima si esibisce in un raffinato ?Porco due!?, e poi si lamenta di essere ingrassata, e dunque dice che ha bisogno di ?due dosi di sesso?, perché per dimagrire serve ?o un dietologo o un amante?.
Poco dopo i bambini che assistono a questo programma così educativo devono subire un sonoro ?Porca troia!?. E infine Fedro, in lacrime, dichiara agli altri ragazzi che ha deciso di uscire dalla casa del Grande Fratello per la morte di una zia, per non sentirsi in futuro ?un pezzo di merda?.



F) FA? LA COSA GIUSTA

Su LA7 viene trasmesso FA? LA COSA GIUSTA, un talk show certamente non volgare, presentato da Irene Pivetti, ma altrettanto certamente per gli argomenti trattati, drammi familiari e situazioni di disagio, aborti, abbandoni e affidamenti, non adatto a minori da 0 a 14 anni.
Anche qui, a titolo esemplificativo, un estratto dalla trasmissione del 7 aprile, dalla 16,45 in poi.
La puntata era dedicata ai drammi delle persone colpite dalle malattie più gravi. E così, in una allucinante fiera del dolore, erano presenti in studio una ragazza colpita da un tumore al seno, a cui la conduttrice ha detto: ?Certo che 6 cicli di chemioterapia ti hanno ridotto a uno straccio? Ora sei in attesa degli ultimi risultati delle analisi, come ti senti? Hai più paura della malattia o della terapia??
Era poi presente una donna che ha scoperto di avere una grave malattia cardiaca e che e? dovuta sottoporsi a un?operazione a cuore aperto. Sempre la conduttrice: ?Cosa hai provato quando ti hanno detto che ti devi operare??. Infine, per completare il quadro di questo allegro talk show trasmesso proprio nel pieno della ?fascia protetta?, era presente un?altra ragazza che, entrata in coma dopo essere stata colpita da aneurisma al cervello, ora diceva che oramai vive alla giornata.


Sono più che evidenti, quindi, le violazioni del codice che quotidianamente si verificano sulle reti televisive italiane. Proprio per questo, mentre il Comitato di controllo appare troppo morbido e si limita a delle poco utili segnalazioni, l?Intesa dei consumatori si rivolge direttamente all? Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni, alla quale chiede di adottare i provvedimenti più opportuni per tutelare i diritti dei minori da 0 a 14 anni, ed ordinare alle reti televisive di eliminare dalla fascia protetta tutti i programmi che per impostazione o per i modelli proposti possano nuocere allo sviluppo dei minori.



Intesa

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this