20 Maggio 2020

Codacons sul caos concerti: Sì ai rimborsi, no ai voucher

 

Il Codacons valuta un’ azione collettiva sui concerti annullati a causa dell’ emergenza Covid-19. Al momento non c’ è chiarezza infatti sugli eventuali rimborsi per coloro che avevano acquistato i biglietti senza poter assistere alle esibizioni. Tra questi è saltato l’ attesissimo concerto di Paul McCartney in piazza del Plebiscito, che era in programma il 10 giugno. “Non vedevamo l’ ora di incontrarvi tutti questa estate, sappiamo che ci saremmo divertiti tantissimo. Io e la band siamo tremendamente dispiaciuti di non poter essere con voi ma questi sono tempi senza precedenti e la salute e la sicurezza sono la priorità. Spero che voi stiate bene e che potremo vederci più avanti in tempi migliori. We will rock again. Love, Paul”, era la nota pubblicata sul proprio sito da Paul McCartney con la quale annunciava l’ annullamento del tour. A questa ha fatto seguito il comunicato stampa degli organizzatori italiani del tour: “La D’ Alessandro e Galli è fortemente dispiaciuta di comunicare che i due concerti Italiani di Paul McCartney previsti per il 10 Giugno in Piazza Plebiscito a Napoli e per il 13 Giugno al Lucca Summer Festival, per disposizione dei prossimi provvedimenti delle competenti autorità saranno oggetto di cancellazione. La situazione di emergenza internazionale che si è venuta a creare con la diffusione del Covid-19 rende infatti evidente che purtroppo non sarà possibile proseguire l’ organizzazione dei due concerti così come era stata pianificata. I biglietti saranno oggetto di rimborso secondo le vigenti normative di legge, a partire dalla disposizione di annullamento dell’ evento da parte dell’ autorità competente. La D’ Alessandro e Galli coglie l’ occasione per ringraziare il Comune e la Sovrintendenza di Napoli e il Comune e la Sovrintendenza di Lucca per la collaborazione e la disponibilità, così come tutti i soggetti coinvolti nell’ organizzazione che insieme a noi lavorano già da molti mesi a questi eventi.A Firenze Today , il Codacons tramite il Presidente Carlo Rienzi ha affermato: “Stiamo ricevendo numerosissime richieste di aiuto da parte di cittadini che si sono visti annullare eventi e spettacoli organizzati per le prossime settimane. Con un colpo di spugna sono stati cancellati i diritti dei consumatori, prevedendo l’ assurdo meccanismo del voucher come forma di rimborso. Ma è di tutta evidenza che se un evento viene annullato e non sarà più organizzato, il consumatore ha diritto in base al codice civile alla restituzione dei soldi versati, e non certo ad un voucher.” A tal motivo il Codacons sta “valutando la possibilità di una azione collettiva contro gli organizzatori degli eventi annullati che non riconoscono, a chi non vuole o non può utilizzare il voucher, il rimborso in denaro”. Per tutti coloro che hanno acquistato biglietti per concerti e spettacoli annullati in Italia, possono inviare una segnalazione al Codacons alla mail info@codacons.it o ottenere assistenza al numero 89349966.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox