fbpx
31 Ottobre 2019

Codacons su fusione FCA-Psa: Antitrust vigili con massima attenzione

 

(Teleborsa) – Dopo l’ufficializzazione delle nozze tra FCA e Peugeot arrivano i primi commenti ufficiali. “La fusione tra Fca e Psa rischia di avere ripercussioni negative per i consumatori, in quei settori auto nei quali le due società hanno finora operato in piena concorrenza”. Lo afferma il Codacons in una nota, invitando l’Antitrust e le autorità europee a vigilare con la massima attenzione sull’operazione.

“Fca e Psa si sono finora date battaglia sul mercato europeo delle auto nel segmento delle utilitarie e delle vetture di piccole dimensioni, comparto nel quale le due società, attraverso i vari marchi, operano in una situazione di concorrenza diretta – spiega il presidente Carlo Rienzi. Ciò ha portato vantaggi per i consumatori, attraverso una sfida commerciale per conquistare fette di mercato basata su offerte, promozioni e modelli di automobili sempre più competitivi”.

“La fusione tra i due gruppi rischia ora di annullare tale concorrenza – prosegue la nota – perchè una sovrapposizione produttiva per utilitarie e piccole auto non sarebbe certo redditizia – prosegue Rienzi. I consumatori italiani ed europei rischiano così di ritrovarsi con una minore offerta sul mercato e con prezzi di listino maggiorati per quelle auto finora prodotte da Fca e Psa in regime di piena concorrenza. Per tale motivo Antitrust e UE devono vigilare con la massima attenzione sull’operazione”.

Filtra preoccupazione anche dalle parole di Francesca Re David, Segretario Generale Fiom Cgil, intervenuta questa mattina a Radio anch’io: “C’è una fortissima preoccupazione per gli stabilimenti. In Italia c’è una capacità produttiva installata di 1,5 milioni di auto, ma ne vengono prodotte meno della metà. I nostri stabilimenti sono pieni di cassintegrati, la fusione è molto rischiosa”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox