fbpx
29 Ottobre 2019

Codacons * SOCIAL NETWORK: ” l’ USO ECCESSIVO E SCORRETTO CREA DISTURBI PSICO-FISICI NEGLI ADOLESCENTI E ALTERAZIONI ANATOMICHE “

i social network possono essere una importante risorsa e un momento di incontro, di scambio e di crescita tra persone, ma un loro uso eccessivo e distorto da parte degli adolescenti crea disturbi psico-fisici e arriva addirittura a causare alterazioni anatomiche. questo quanto emerso oggi nel corso del convegno organizzato dal codacons in collaborazione con
I social network possono essere una importante risorsa e un momento di incontro, di scambio e di crescita tra persone, ma un loro uso eccessivo e distorto da parte degli adolescenti crea disturbi psico-fisici e arriva addirittura a causare alterazioni anatomiche. Questo quanto emerso oggi nel corso del convegno organizzato dal Codacons in collaborazione con LUISS Business School. Come ha rivelato il massimo esperto di neuro-dipendenze prof. Giovanni Serpelloni durante l’ incontro odierno, i social network non sono di per sé uno strumento negativo, ma tra i soggetti più giovani un loro utilizzo prolungato e scorretto può provocare disturbi che possono sfociare in vere e proprie patologie: da problemi al sonno a depressione, passando per comportamenti antisociali a disturbi dell’ alimentazione, fino ad una vera e propria dipendenza patologica. Non solo. Un uso scorretto dei social può provocare alterazioni anatomiche nei più giovani, a partire da problemi anche seri alla vista. Le più recenti ricerche condotte in tale ambito – ha spiegato il Prof. Serpelloni – hanno evidenziato un aumento preoccupante del numero di utenti “vulnerabili” che sviluppano patologie psichiatriche legate all’ uso dei social network. Per tale motivo è stato elaborato un vero e proprio test “fai da te” attraverso il quale l’ utente può verificare il proprio “rischio dipendenza” da social, test che il Codacons pubblicherà oggi sul proprio sito web. Nel corso del convegno odierno è intervenuta anche Facebook, attraverso Laura Bononcini – Public Policy Director, Southern Europe Facebook, la quale ha sottolineato come l’ azienda ritenga indispensabile una regolamentazione da parte dei governi dei vari paesi per giungere ad una normativa che non censuri ma dia regole certe al social network, anche a seguito di confronto con autorità, forze dell’ ordine e associazioni come il Codacons, soprattutto per combattere odio e violenza in rete e definire i contenuti leciti nell’ interesse di tutti gli utenti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox