8 Ottobre 2013

CODACONS «Reperti peritali manipolati» Scatta l’esposto contro Costa

CODACONS «Reperti peritali manipolati» Scatta l’esposto contro Costa

IL CODACONS non molla e tramite i suoi avvocati ha presentato alla procura della Repubblica di Grosseto una denuncia relativa ai file consegnati da Costa Crociere ai periti nel corso delle operazioni peritali in sede di incidente probatorio sul naufragio della Costa Concordia. Che per Codacons ha ancora tantissimi punti da chiarire. L’ avvocato Giuliano leuzzi, che dall’ inizio delle udienze è sempre stato tra i più battaglieri in aula chiedendo a più riprese di allargare le responsabilità delle morti susseguenti all’ impatto della nave con lo scoglio delle Scole, non solo ed esclusivamente al comandante Francesco Schettino, ma anche a Costa Crociere, la compagnia di navigazione che ha patteggiato un milione di euro, uscendo di fatto dal processo. «Nello specifico ? spiega il Codacons ? si tratta dei file relativi ai test obbligatori di collaudo del generatore di emergenza, da compiersi settimanalmente e che ? proprio quelli relativi alle 10 settimane prima del naufragio ? risultano modificati due mesi dopo l’ incidente, in data 13 marzo 2012, e tutti nello stesso momento, ossia nell’ arco di poche decine di secondi, per giunta con l’ inserimento di valori tutti identici, come per la temperatura dell’ acqua e per la temperatura dell’ olio». Accusa che è finita sul tavolo della magistratura grossetana ieri mattina dopo che Leuzzi e il professor Neri dell’ università di Pisa, consulente proprio dell’ associazione consumatori, avevano annunciato l’ esposto già durante la penultima udienza, quella dove furono ascoltati i periti della Procura che ripercorsero in pratica tutto l’ incidente probatorio, spiegando tutte le fasi, dalla partenza da Civitavecchia al ribaltamento su un fianco a Punta Gabbianara dopo il terribile impatto con un basso fondale a due passi dall’ isola del Giglio. «Proprio il malfunzionamento del generatore di emergenza quale possibile causa o concausa del tragico epilogo del naufragio in termini di vite umane ? aggiunge l’ associazione – è uno dei principali aspetti sui quali il Codacons si sta battendo sin dall’ inizio del processo, ed evidentemente non èun caso che alterazioni dei dati riguardino proprio tale fronte». L’ associazione ha chiesto alla Procura di Grosseto di aprire una indagine urgente, accertando i fatti e le relative responsabilità e disponendo il sequestro immediato della documentazione.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this