20 Novembre 2018

Codacons / Punti nascite e pediatria, due dei buchi neri della mappa dei presidi ospedalieri

 

 

È notizia di questi giorni la chiusura, da parte della Regione Campania, dei punti di nascita negli Ospedali di Polla e Sapri, a causa dei “volumi di attività”, inferiori a 500 parti l’ anno. La chiusura sarà disposta a partire dal 1° gennaio 2019 mentre i posti letto di ostetricia e ginecologia dei due presìdi, saranno riprogrammati per un’ altra disciplina. Il calo di nascite o “volumi di attività “così come burocraticamente definito, comporterà, per due vasti territori quali sono il Vallo di Diano ed il Cilento, l’ impossibilità di nascere a Polla o a Sapri. Le partorienti saranno dirottate quindi, verso gli Ospedali di Vallo della Lucania, per il comprensorio di Sapri e Eboli o Battipaglia per il Vallo di Diano. Chi non conosce queste zone e sicuramente chi ha disposto la chiusura, non le conosce, non può comprendere la difficoltà per una partoriente di percorrere tantissimi chilo metri, al fine di far nascere il proprio figlio. Come sempre si è posta l’ attenzione sui numeri e non sulla configurazione di un territorio, già penalizzato dalla notevole distanza al capoluogo di Provincia e a tratti difficilmente accessibile, come può essere il territorio degli Alburni. La sanità Campana arretra poi anche su un altro punto. Tema scottante e di cui il Codacons si sta naturalmente occupando, grazie alle tante segnalazioni ricevute, riguarda l’ assenza dell’ ambulatorio di pediatria in tanti comuni facenti parti del distretto 69 che fa capo all’ Ospedale di Roccadaspide. In tale distretto, se da un lato è stato assunto come pediatra un luminare, il dott. Alfredo Boccaccino, dall’ altro è stato tolto il servizio periodico che garantiva ai piccoli residenti dei comuni di Aquara, Bello sguardo, Castelcivita, Castel San Lorenzo, Controne, Corleto Monforte, Felitto, Lau rino, Ottati, Piaggine, Roscigno, Sacco, Sant’ Angelo a Fasanella e Valle dell’ Angelo che dovevano sottoporsi ad visita pediatrica, anche per un semplice controllo, la possibilità di farlo nel proprio comune o in quello più vicino ove veniva garantita la presenza del pediatra. Bimbi privi di assistenza, dunque, ma anche e soprattutto amministrazioni locali assenti che nulla ad oggi, non sembra si siano mosse per contestare la decisione del Potete contattare il CODACONS e lasciare un commento ai nostri articoli all’ indirizzo: codacons.campania@gmail.com I nostri esperti sono sempre a vostra disposizione. Non esitate a sottoporci quesiti o a raccontarci le vostre “disavventure”… Vi risponderemo, in maniera rapida ed esaustiva, sulle pagine di Cronache l’ Asl e far ripristinare il servizio. Il Codacons ha quindi inoltrato all’ Azienda Sanitaria una istanza di accesso al fine di conoscere il provvedimento di chiusura del servizio e con esso le motivazioni di tale chiusura e nel contempo ha diffidato l’ ASL a ripristinare il servizio al fine di garantire il diritto alla salute ai più piccoli.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox