6 Marzo 2013

Codacons punta a far risarcire esercizi commerciali

Codacons punta a far risarcire esercizi commerciali

VITERBO – Emergenza arsenico, dopo l’ azione collettiva avviata in favore dei cittadini adesso il Codacons punta a far risarcire anche gli esercizi commerciali della provincia di Viterbo. ”Se i sindaci dei Comuni interessati non renderanno le acque pienamente potabili – spiegano dall’ associazione – le Asl saranno costrette a disporre la chiusura degli esercizi commerciali che utilizzano acqua contenente arsenico, come forma di tutela della salute pubblica. Uno scenario che darebbe vita ad una serie di cause risarcitorie contro i sindaci, che sarebbero poi costretti a pagare milioni di euro ai negozianti danneggiati”. Il Codacons sta infatti raccogliendo le adesioni di centinaia di bar, ristoranti, pasticcerie e negozi che utilizzano acqua per la produzione di generi alimentari. Lo scopo è chiedere di ”sanare la situazione – concludono – e rendere le acque potabili, salubri e prive di arsenico”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox