27 Agosto 2013

Codacons: politici inaffidabili se non pubblicano i redditi

Codacons: politici inaffidabili se non pubblicano i redditi

FRANCAVILLA Il Codacons sollecita gli amministratori pubblici locali (sindaco, assessori, consiglieri) e le società partecipate del Comune (Risco,

Alentogas, Cosvega, Cosmeg, Aca) a rendere pubblica la loro situazione reddituale nel rispetto della nuova normativa nazionale, per dare un

segnale di trasparenza e dimostrare «in un momento in cui si chiedono sacrifici enormi ai cittadini, che a Francavilla non ci sono persone che vivono

di politica». «Entro il 20 ottobre tutte le amministrazioni pubbliche devono pubblicare sul proprio sito internet la situazione reddituale e patrimoniale

degli amministratori e dei congiunti che acconsentano alla trasparenza», ricorda Vittorio Ruggieri, coordinatore provinciale Codacons. «Sono

soggetti agli obblighi di pubblicità tutti gli amministratori di pubbliche amministarzione, società partecipate controllate e fondazioni, nonché gli

amministratori eletti o nominati prima del 20 aprile scorso». Tutti dovranno pubblicare nomina, durata, curriculum, compensi percepiti, altri incarichi,

compensi percepiti da altre amministrazioni e da altri soggetti. Gli amministratori degli enti di città con oltre 15mila abitanti, come Francavilla,

dovranno aggiungere: dichiarazione dei redditi, beni immobili e mobili registrati posseduti, azioni, quote di società, spese elettorali, comprese quelle

di coniugi e congiunti fino al secondo grado se questi acconsentono. Gli obblighi di pubblicazione sul sito internet dell’ ente, dovranno essere

soddisfatti entro il 20 ottobre. Per gli amministratori che non lo faranno, sono previste sanzioni da 500 a 10mila euro. «Gli amministratori che non

pubblicizzeranno i dati sono politicamente inaffidabili», conclude Ruggieri. (g. g.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox