2 Maggio 2016

Codacons: Metro C Roma opera più lenta dopo la Salerno-R. Calabria

Codacons: Metro C Roma opera più lenta dopo la Salerno-R. Calabria

Roma, 2 mag. (askanews) – La metro C di Roma, “oltre ad essere l’incompiuta più costosa d’Europa, è diventata anche l’opera pubblica più lenta d’Italia dopo la Salerno-Reggio Calabria”. Lo denuncia oggi il Codacons, che segnala la mancanza di certezze circa la fine dei lavori e l’abnorme crescita dei costi relativi alla realizzazione della tratta.

“Nell’aprile del 2006 sono partiti i lavori per la realizzazione della terza linea metropolitana; nonostante siano stati spesi ben 3 miliardi e 760 milioni di euro (un miliardo in più rispetto alle spese previste) a distanza di 10 anni l’opera non è stata ancora completata, con un mega-ritardo di sei anni sul tabellone di marcia – denuncia il presidente Carlo Rienzi, candidato a sindaco di Roma – Manca ancora l’ultima tratta, la T3, che collega San Giovanni a via Amba Aradam con capolinea a Piazza Venezia. Gravissimo poi che ad oggi ancora non si sappia con certezza quando verrà inaugurata la stazione di San Giovanni (nel 2017 o addirittura nel 2018), né tantomeno quando verranno smantellati i cantieri del Colosseo: un pugno nell’occhio per turisti e passanti”.

Sul sito di Roma Metropolitane si prevede che la consegna della tratta avverrà nel 2021, benché di questo passo anche i più ottimisti prevedano ulteriori slittamenti. “Ci chiediamo chi debba rispondere di tutto questo e chi siano i responsabili dei gravi ritardi e dell’abnorme crescita dei costi – prosegue Rienzi – Uno scaricabarile tra Comune, Roma Metropolitane e Consorzio Metro C di cui fanno le spese i romani e l’intera città”.

Il Codacons ha deciso di denunciare il caso pubblicando sul web un video che ricostruisce l’odissea della Metro C.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox