4 Ottobre 2015

Codacons: estendere subito i divieti alle auto “truccate” della Volkswagen

Codacons: estendere subito i divieti alle auto “truccate” della Volkswagen

■ Il Codacons Emilia Romagna, con il suo presidente Bruno Barbieri, ha chiesto a tutti i sindaci dell’ Emilia Romagna dove sono state istituite zone a traffico limitato a cui è vietato l’ accesso alle autovetture troppo “anziane” da un punto di vista degli apparati anti inquinamento (euro 1 a benzina ed euro 3 se diesel), di estendere immediatamente il divieto anche alle auto della marca Volkswagen e delle altre che risulteranno coinvolte nello scandalo legato alla violazione della normativa antismog: «Stante il fatto che questi autoveicoli sono stati truccati – dichiara in una nota Barbieri – non è dato sapere la quantità di emissioni che gli stessi producono rispetto alle auto di cui è stata vietata la circolazione in base al progetto regionale Liberiamo l’ aria campagna anni 2015-2016. I criteri di prudenza in ambito di tutela della salute non possono permettere la circolazione delle marche e modelli di auto rimasti coinvolti nella nota vicenda le gata ai motori truccati ai fini di far apparire emissioni inquinanti inferiori quelle reali per le quali è partita un’ indagine dal Pubblico Ministero Guariniello presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Torino. Se verranno comunicati dalla Volkswagen i modelli di auto coinvolte si potrà limitare al pari di quanto è stato stabilito ad esempio dal Comune di Bologna delle auto a benzina pre euro o euro 1 o alle auto diesel euro 3; diversamente il divieto dovrà es sere applicato a tutte le auto mese in commercio dalla Volkswagen o dalle altre marche automobilistiche che dovrebbero in futuro venire coinvolte in tale vicenda. Si tratta di una misura a tutela della salute a cui i sindaci non si possono sottrarre ritiene il presidente Codacons e di provvedimenti che non possono certo attendere, a fronte delle ammissioni delle case automobilistiche, gli accertamenti dell’ autorità giudiziaria». Il Codacons a livello nazionale fa sapere di aver già avviato al contempo una campagna a favore sia degli azionisti della Volkswagen gravemente danneggiati «dal comportamento scorretto della casa automobilistica» che ha comportato una perdita secca di quasi il 40% del valore delle azioni, sia a tutela dei proprietari delle auto truccate, «che dovranno subire i disagi legati sia al preannunciato richiamo delle auto sia delle inevitabili limitazioni che le autorità dovranno assumere in termini di limitazioni del traffico».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox