28 Luglio 2010

Codacons: esposto in procura di Torino e Bologna contro latte ‘uht’ della Granarolo

(Sesto Potere) – Bologna / Totino – 27 luglio 2010 – Dopo la vicenda delle mozzarelle blu che ha coinvolto l’azienda Granarolo, il Codacons solleva oggi un altro caso: quello del latte ‘uht’ prodotto dall’azienda medesima.
Attraverso un esposto inviato alle Procure della Repubblica di Torino e Bologna, l’associazione chiede venga fatta luce sulla provenienza del latte utilizzato da Granarolo.
Si legge infatti nell’esposto:
"in data 23 luglio 2010 il direttore della Granarolo avrebbe contattato telefonicamente il Presidente del Codacons Avv. Carlo Rienzi e nel corso della telefonata avrebbe dichiarato che il "latte alta qualità" è realizzato esclusivamente con latte italiano, mentre quello uht (cosiddetto latte a lunga conservazione) verrebbe realizzato anche con l’utilizzo di latte tedesco. Ora la pubblicità ha invaso massicciamente le pagine dei giornali e gli spazi televisivi orientando gli acquisti dei cittadini consumatori che – bombardati da messaggi in cui la Granarolo dichiara che il latte è solo italiano e parla di mucche italiane selezionate, di filiera garantita e controllata e di latte garantito e certificato ogni giorno con controlli più numerosi e approfonditi di quelli di legge – non sono in grado di capire che il messaggio si riferisce esclusivamente al latte di alta qualità mentre gli altri tipi di latte come quello a lunga conservazione no. Occorrerebbe indicare e specificare che il latte UHT a lunga conservazione è realizzato anche attraverso l’utilizzo di latte tedesco indicando sul prodotto la provenienza.
Nella realtà dei fatti nella confezione di latte Granarolo a lunga conservazione la lettera relativa allo stabilimento produttivo indicata vicino la data di scadenza è la Q, che corrisponde a ITALIA. Da tale controllo del Codacons sembrerebbe pertanto assente e/o omessa l’indicazione nella confezione del prodotto dell’utilizzo di latte tedesco come sembrerebbe riferito dal direttore di Granarolo al Presidente del CODACONS per il latte UHT.’
Per tali motivi, il Codacons ha chiesto alla magistratura di aprire una indagine per verificare eventuali ipotesi penalmente rilevanti, anche alla luce di una possibile pubblicità ingannevole a danno dei consumatori italiani
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox