15 Agosto 2010

Codacons: duemila euro per la foto di piromane

CATANIA Una taglia di 2.000 euro per chi riesce a fotografare un piromane in azione. Questa l’ iniziativa lanciata contro gli incendi dolosi in Sicilia dal Codacons, che propone anche la creazione di «fotoronde», cioè cittadini dotati di macchine fotografiche che agiscano come «sentinelle per la salvaguardia del patrimonio naturale siciliano». Per l’ associazione «sono troppi, infatti, gli ettari di bosco andati in fumo a causa di incendi dolosi che ogni anno, con straordinaria puntualità distruggono un patrimonio boschivo che si assottiglia sempre di più» ed è necessaria «una collaborazione affinchè i colpevoli possano interrompere queste azioni di disastro ambientale e rendere più facile il lavoro degli uomini della Forestale impegnati come sempre in prima linea rischiando la vita come accaduto a Menfi». L’ associazione inoltre si costituirà parte civile nei processi che si celebreranno contro i piromani. Intanto, l’ ‘ emergenza incendi è arrivata anche sulla Rocca di Cefalù, il sito naturalistico più simbolico della cittadina normanna. Le cause sono ancora una volta dolose come quelle che in questi giorni hanno interessato varie contrade della città. Le fiamme si sono sviluppate da un focolaio acceso lungo la strada dietro l’ area cimiteriale. Sono intervenuti gli uomini della protezione civile ma intanto il fuoco, alimentato dal vento di scirocco, era risalito lungo un costone roccioso e in posti che non è stato possibile raggiungere. Per questo è stato chiesto l’ intervento di un elicottero. Numerosi turisti, che poco prima avevano assistito a una processione religiosa in mare, si sono radunati sotto la Rocca per seguire la devastazione di un luogo protetto.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox