4 Giugno 2020

Codacons denuncia Austria a Corte Ue per le frontiere chiuse

E lancia una campagna di boicottaggio
BOLZANO
(ANSA) – BOLZANO, 4 GIU – Una denuncia alla Corte di Giustizia Europea ed una campagna di boicottaggio contro l’Austria: sono le due iniziative prese dal Codacons che chiede di sanzionare il governo austriaco “colpevole di non aver riaperto le frontiere con l’Italia”. “Il comportamento dell’Austria viola tutte le norme e i trattati internazionali e comunitari, e la decisione di non riaprire le frontiere con l’Italia rappresenta un atto unilaterale gravissimo e illegittimo, che danneggia i cittadini e il nostro Paese in modo del tutto ingiustificato”, spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi. “In tali contesti la Corte di Giustizia Ue – prosegue Rienzi – può intervenire aprendo una procedura d’infrazione e sanzionando quegli Stati che adottano misure contrarie alle disposizioni comunitarie, anche tenuto conto che l’Unione Europea è già intervenuta con linee guida per la revoca delle restrizioni ai confini, che tengano conto del principio di non discriminazione e del principio che regioni con la stessa situazione epidemiologica ricevano lo stesso trattamento”. Il Codacons, oltre a presentare la denuncia alla Corte Ue, lancia il boicottaggio dell’Austria attraverso l’hashtag #boicottaustria, invitando tutti i cittadini italiani a non recarsi in vacanza in territorio austriaco nemmeno quando le frontiere con l’Italia saranno riaperte. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox