30 Maggio 2002

Codacons chiama Antitrust


Questa volta i consumatori si rivolgono all`Antitrust.
Nel mirino del Codacons, il termine per disdire la polizza di assicurazione.
Le condizioni imposte dalle compagnie di assicurazioni prevedono al momento un preavviso di 30 giorni, alcune volte addirittura di 60.
Troppi, secondo la sigla di rappresentanza dei consumatori.
E lancia un appello anche al legislatore per richiedere una modifica del relativo disegno di legge in discussione al Senato.

Ridurre i termini, in alcuni casi addirittura prevedere la possibilità di recedere immediatamente: queste le richieste del Codacons.
A maggior ragione, spiega, in vista degli aumenti previsti per luglio, che in alcuni casi raggiungeranno quota più 30%.
La disdetta immediata, nelle intenzioni dell`associazione, andrebbe applicata in caso di rincari superiori al tasso di inflazione programmato.
Disporre tempi così lunghi vuol dire rendere più difficoltosa la possibilità di recedere, continua il Codacons.


E poi viene l`attestato di rischio e qui l`associazione rincara la dose.
Si tratta, in quest`ultimo caso, di un documento che deve essere consegnato al contraente per stipulare un nuovo contratto.
Va consegnato alla scadenza e contiene l`indicazione dei dati precedentemente registrati, tra cui la classe di merito di provenienza e quella di assegnazione del contratto per l`annualità successiva, determinata in base ai sinistri eventualmente occorsi.
La legge prevede un termine di almeno 3 giorni per il rilascio.Ed è proprio sul termine di 3 giorni che l`associazione si accanisce.
Un comportamento generalizzato, definito `collusivo a danno della concorrenza e del consumatore` quello di scegliere proprio il termine limite.
In questo modo l`assicurato `se si trova davanti a differenze di prezzo minime, finisce per rinunciare alla disdetta riconfermando il contratto in essere`.
Sarebbe opportuno, secondo l`associazione, promuovere una maggiore mobilità della clientela, favorendo il passaggio da una compagnia all`altra.
Costituirebbe un importante fattore propulsivo della concorrenza a tutto vantaggio dei beneficiari finali, gli assicurati, che vedrebbero ridursi i prezzi dei premi.

Per questo motivo – conclude il Codacons -`invitiamo tutti gli assicurati con contratto in scadenza il primo luglio ad inviare immediatamente la disdetta in attesa di verificare l`esistenza di tariffe più basse con altre società.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox