26 Febbraio 2020

Codacons: “Chi lucra su mascherine e gel disinfettanti è uno sciacallo e commette reato”

Amuchina a ruba in tutti i negozi, prezzi delle mascherine a umentati di oltre il 1500% , comparsa di veri e propri kit anti Coronavirus su Amazon e protezioni FFP2 ed FFP3 con prezzi saliti alle stelle . Sono queste alcune delle conseguenze della psicosi derivante dall’ arrivo in Italia del virus cinese Covid-19, il nuovo Coronavirus che nel Bel Paese ha portato già ad oltre 300 contagi e 12 decessi . Una psicosi fuori controllo, che ha dato via ad un vero e proprio mercato alternativo , dal quale i neonati ” contrabbandieri di mascherine ” traggono il maggior profitto. Per fare il punto della situazione, e per riuscire a chiarire una volta per tutte come non cadere vittime di questi veri e propri raggiri, abbiamo chiesto il parere di Stefano Zerbi , portavoce del Codacons, con il quale abbiamo discusso approfonditamente dell’ argomento. “Sta avvenendo una bieca speculazione sulla paure dei cittadini: chi aumenta i prezzi approfittando del Coronavirus non solo è uno sciacallo, ma un criminale che commette un reato ” – ci ha detto -“Per tale motivo ci auguriamo che la magistratura individui i responsabili e si attivi per i provvedimenti del caso”. La posizione del Codacons e le azioni intraprese dopo l’ aumento dei prezzi di mascherine e gel disinfettanti Da sempre estremamente attivo e pronto a salvaguardare i diritti dei consumatori, il Codacons da giorni ha anticipato la sua attività per affrontare questo repentino aumento dei prezzi di vendita relativo alle mascherine e ai gel disinfettanti per le mani. “Dopo un monitoraggio eseguito sui principali portali di vendita online, da cui è emerso un aumento abnorme dei listini di gel igienizzanti (fino a +650%) e mascherine (fino a +1700%) abbiamo presentato un esposto a 104 procure della Repubblica di tutta Italia , Antitrust e guardia di finanza chiedendo di aprire indagini sul territorio” – ci ha raccontato Stefano Zerbi – “A seguito di tale denuncia la procura di Milano ha aperto un fascicolo , attualmente contro ignoti, per le speculazioni sui prezzi, e le fiamme gialle si sono attivate con controlli sul territorio”. Di chi sono le responsabilità di controllo In realtà, sulla questione relativa alle responsabilità di controllo dei prezzi di vendita vige un mistero molto fitto. È chiaro che, secondo le regole del libero mercato , gli effetti aggregati delle decisioni di acquirenti e venditori sono descritti dalle leggi della domanda e dell’ offerta. Sono due facce dello stesso insieme di transazioni e quando la domanda supera l’ offerta, chi offre può alzare il prezzo . Ma c’ è un limite e ci sono delle responsabilità. “Ovviamente i portali che ospitano le pagine dei venditori dove si realizzano le speculazioni hanno una responsabilità precisa , perché rischiano di concorrere in eventuali reati commessi” – ha sottolineato il portavoce del Codacons – “Non a caso Amazon ha risposto al Codacons annunciando che vigilerà sulla correttezza del comportamento dei venditori che utilizzano il sito per promuovere i propri prodotti”. I consigli per non essere vittime di queste speculazioni “Premesso che gel igienizzanti e mascherine non possono rappresentare la soluzione all’ emergenza Coronavirus , il consiglio è quello di non farsi prendere dal panico ma soprattutto non farsi fregare da chi specula sulle nostre paure ” – ha concluso Zerbi – “Non c’ è alcun motivo di fare incetta di gel e mascherine, ancor meno di pagare cifre più alte rispetto a quelle cui eravamo abituati prima della diffusione del virus, perché così facendo si cade nella trappola degli speculatori e si arricchiscono le tasche dei disonesti”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox