2 Luglio 2006

CODACONS: BOICOTTEREMO CHI SI OPPONE

CODACONS: BOICOTTEREMO CHI SI OPPONE
I consumatori: contrastare la reazione delle lobbies

ROMA – Si apra subito un tavolo di confronto sui contenuti del “pacchetto Bersani“ e sul “pacchetto Visco“ per definire, insieme, modifiche e miglioramenti a vantaggio di tutti, imprese e consumatori. È il commento di Confcommercio dopo le decisioni prese dal Consiglio dei Ministri in materia di liberalizzazioni. Confcommercio, per quel che riguarda la distribuzione commerciale, ritiene, in linea generale che si tratti di un`operazione di riaffermazione dei principi della riforma del `98, promossa da Bersani. Una riaffermazione, in particolare, nei confronti dell`interpretazione di quella riforma fatta da alcune Regioni, nell`ambito del cosiddetto “federalismo commerciale“. Ma proprio per questo sarebbe stato bene attenersi al metodo della concertazione con le categorie economiche, ma anche con Regioni ed Enti locali che, nella Repubblica federale, sono chiamate a partecipare al governo del sistema commerciale. Alle Regioni – continua una nota di Confcommercio – è infatti demandata la competenza costituzionale esclusiva sul commercio. Rispetto a questo principio, agire in nome della competenza esclusiva dello Stato in materia di tutela della concorrenza sarà pur possibile, ma rischia di innescare un`ennesima tornata di ricorsi alla Corte Costituzionale in materia di conflitto di competenze. La concertazione – prosegue la nota – non può essere invocata solo quando si tratta di chiedere a tutti di fare sacrifici per consentire il miglioramento dei conti dello Stato ed essere considerata ingombrante quando si tratta di assumere decisioni su mercato, imprese, consumatori. In merito al pacchetto fiscale di Visco, infine, Confcommercio registra “un ritorno a vecchi obblighi – già soppressi in nome della semplificazione. Si vedrà se e come tutto ciò sarà possibile – conclude Confcommercio – E con che aggravio di adempimenti burocratici e di costi per le imprese“. Intanto il Codacons denuncia “l`attacco scriteriato delle lobbies dei tassinari, farmacisti e professionisti contro gli inevitabili provvedimenti del Governo.Se le lobbies attaccheranno – dichiara il presidente Carlo Rienzi – i consumatori dimostreranno loro di essere una lobby ancora più potente. Proclameremo lo sciopero e il boicottaggio delle categorie che si oppongono con mezzi dannosi per i pubblici servizi ai provvedimenti. Cominceremo col boicottaggio dei tassisti“. Il Codacons ha chiesto anche una riunione straordinaria del Cncu al ministro Bersani per definire forme comuni di lotta dei consumatori contro le lobbies che si oppongono alla concorrenza. “Con le misure per competitività e liberalizzazione l`Italia potrà finalmente d essere più vicina all`Europa“. Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo. “Il decreto appena varato – sottolinea De Filippo – contiene scelte importanti, come quelle del pacchetto cittadino-consumatore del ministro Bersani, che rafforzano positivamente la concorrenza e da cui arriveranno risparmi per i cittadini e condizioni d`opportunità per le giovani generazioni che, al di fuori delle strettoie corporative, potranno mettere in libero movimento talento, creatività ed intraprendenza progettuale“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox