24 Agosto 2010

Codacons: bloccare la pubblicità ingannevole su zainetti e astucci

ROMA. Zainetti "magici" degli eroi preferiti che si aprono e chiudono da soli, astucci che parlano e saltano come se avessero una vita propria: il Codacons denuncia gli spot ingannevoli rivolti ai più piccoli in onda su reti locali e nazionali, e tra queste «spicca in particolare Italia 1». Le televisioni «sono invase in questi giorni da spot ingannevoli destinati agli scolari più piccoli», si legge in una nota dell’ associazione di consumatori che si rivolge all’ Antitrust «perchè intervenga immediatamente e, considerata l’ urgenza e l’ imminenza dell’ inizio dell’ anno scolastico, provveda a sospendere in via provvisoria gli spot ritenuti ingannevoli». E aggiunge: «Avevamo chiesto l’ intervento del Governo, ma evidentemente non è interessato a proteggere i minori da spot che, sfruttando la buona fede dei bambini, ingannano sulle reali potenzialità del prodotto». Il Codacons cita alcuni esempi di pubblicità trasmessi venerdì pomeriggio da una rete nazionale: zaino dei Gormiti («un robot giallo ha in mano lo zaino e lo mostra ai telespettatori, poi un astuccio si apre magicamente da solo»); prodotti Toys Story («zaini e astucci si aprono e si muovono da soli, anzi parlano, saltano e, per far meglio credere che abbiano una vita propria hanno pure le braccia». Da qui l’ invito del Codacons ai genitori «ad allontanare in questi giorni i bambini dalla tv». Non si tratta «solo di una questione finanziaria», si legge nella nota, «dato che acquistare zaini firmati e articoli legati a personaggi dei cartoni animati o a bambole famose fa lievitare il costo del corredo fino al 40%, ma della salute dei propri figli». Il Codacons consiglia inoltre di non acquistare zaini e cartelle, ma trolley che consentano di trasportare comodamente i pesi senza affaticare la schiena. «Se il peso dei libri supera del 10/15% quello dell’ alunno», sottolinea Codacons, «con lo zaino vi un aumento del fattore di rischio per la colonna vertebrale, specie per chi soffre già di scoliosi». Per i "forzati" dello zainetto, per Codacons è indispensabile che abbia uno schienale rigido, che non sia di grandi dimensioni e che sia dotato di bretelle regolabili (per una distribuzione omogenea del carico su entrambe le spalle), facilmente sganciabili, larghe e ben imbottite. Intanto il 55% delle scuole supera il tetto spesa previsto dal ministero dell’ istruzione. E’ quanto denuncia in una nota il Codacons a pochi giorni dall’ inizio dele lezioni. «Negli ultimi giorni di vacanza i genitori dei ragazzi che si apprestano a iniziare le scuole superiori dormiranno sonni tutt’ altro che tranquilli. Infatti, molte scuole hanno reso pubblico l’ elenco dei libri di testo per il prossimo anno scolastico e proprio per le classi prime – secondo un’ indagine a campione del Codacons sulle scuole delle 9 province siciliane – nel 55% dei casi non è rispettato il tetto spesa previsto dal Ministero dell’ Istruzione dell’ Università e della Ricerca. Si prevede, infatti, che la spesa supererà addirittura i 400 euro a studente».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox