30 Marzo 2002

Codacons: «50mila euro per gli incidenti gravi»

Traffico intenso, tragedia sull`Autosole.

Codacons: «50mila euro per gli incidenti gravi»


Agriturismo: tutto esaurito


Anche i giapponesi scelgono la campagna. Neve ok all`Abetone


E` la prima prova generale 6 mesi dopo le Twin Towers


FIRENZE. Il Codacons chiederà ai ministeri degli Interni e della Difesa 50mila euro di risarcimento per ogni incidente stradale grave, che dovesse verificarsi durante questo esodo pasquale (che ieri ha fatto segnalare diversi rallentamenti sulle principali tratte autostradali, essendo la prima prova generale di vacanze dopo la tragedia delle Twin Towers), ai sensi dell`articolo 40 del codice penale. Lo ha reso noto l`associazione in difesa dei diritti dei consumatori, che ha ricordato come gli esodi degli anni passati siano stati tutti caratterizzati da un comune denominatore, le stragi sulle strade dove migliaia di cittadini perdono la vita a causa di distrazioni alla guida, limiti di velocità non rispettati, infrazioni, colpi di sonno. Nella giornata di ieri, in Emilia, si è verificato un incidente mortale: un Tir con targa francese è uscito dis trada ed ha preso fuoco sulla A1, pochi chilometri dopo Parma. L`autista è morto carbonizzato nella cabina.
Ma vediamo qual è la situazione esodo e vacanze pasquali in Toscana, dove stanno trionfando – in alcune zone – i cartelli «tutto esaurito». E` il fenomeno agriturismo, che lascia un segno indelebile – ad esempio – a Pistoia: quasi impossibile trovare un posto per il week end pasquale, prenotazioni a raffica anche per il periodo lungo, sino a fine settembre per intenderci. Ma da queste parti turismo significa anche neve e allora si annuncia un fine settimana da leccarsi i baffi per gli operatori turistici visto che all`Abetone il manto nevoso è compatto e raggiunge un`altezza tra i 20 ed i 60 centimetri. Aperti dunque tutti gli impianti di risalita, con possibilità di sciare anche a Cutigliano dove è in azione la funivia della Doganaccia.
Tornando agli agriturismi, il fenomeno è di quelli da segnare con la matita rossa. A Pistoia ci vuole un miracolo per trovare qualche posto libero. «Ci stiamo avviando verso un`altra stagione di grande successo – dice Stefano Tesi dell`associazione Terranostra Pistoia – e da adesso sino ad ottobre sarà dura per tutti trovare posti liberi nei vari agriturismi». Adesso a Pistoia sono circa 100 (quelli ufficiali, ma c`è pure chi opera «nascosto»), con una media di 6-7 posti letto (anche questi ufficiali, di solito sono di più) e 2-3 dipendenti. «E di frequente – dice Andrea Andreotti di Turismo Verde – riceviamo richieste per aprire nuove strutture. Il prodotto tira, abbiamo un`alta percentuale di turisti che tornano con puntualità». La grande novità di questo periodo arriva dal Sol Levante: tanti i giapponesi che sembrano aver abbandonato reflex e grandi città per gustarsi il relax e la buona tavola delle aziende agricole.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox