14 Agosto 2017

COCORICO’: CODACONS CHIEDE CONTROLLI CONTRO SPACCIO

     

    DIFFIDA DELL’ASSOCIAZIONE A PREFETTURA E QUESTURA DI RIMINI

     

    Dopo il nuovo grave episodio di spaccio di sostanze stupefacenti presso il Cocoricò di Riccione, portato nei giorni scorsi alla ribalta dai mass media, il Codacons ha chiesto a Questura e Prefettura di Rimini di disporre controlli a tappeto presso il locale e le altre discoteche della riviera romagnola, allo scopo di prevenire la compravendita di droga all’interno dei locali frequentati dai giovani.
    “In vista della festa di Ferragosto e dell’ondata di giovani che, in tale data, affollerà i tanti locali punto di riferimento dell’estate in Emilia Romagna, abbiamo presentato una diffida a Questura e Prefettura di Rimini, affinché siano disposti controlli antidroga a tappeto nelle discoteche – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ciò in vista della festa di Ferragosto, che porterà centinaia di migliaia di giovani a riversarsi nelle discoteche di Rimini e Riccione. Le autorità competenti devono disporre accertamenti in borghese presso il Cocoricò e le altre discoteche verificando se sia consentito l’ingresso di droga e accertando i soggetti responsabili della vendita di sostanze stupefacenti, i quali devono essere assicurati alla giustizia. I locali presso i quali viene praticato lo spaccio, devono essere puniti con sanzioni che vanno dalla chiusura dell’esercizio per un periodo non inferiore ai 3 mesi, fino alla revoca definitiva della licenza” – conclude il presidente Codacons.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox