4 Agosto 2009

“Class action per risarcire gli automobilisti intrappolati sul Passante”

 Prende forma la class action per i danni da Passante. "Visto quanto accaduto lo scorso finesettimana in quello che è il tratto autostradale più caro d’Europa – spiega Carlo Garofolini, presidente dell’Associazione a difesa dei consumatori Adico -, abbiamo cominciato a pensare ad una azione collettiva contro i cattivi amministratori di questa tanto osannata arteria. Al rientro dalle ferie, a settembre, chi vuole potrà aderire tramite l’Adico alla class action per chiedere il rimborso dei danni subiti nella giornata di sabato." Oltre 30 chilometri di coda a causa del Passante che, come pochi avevano previsto (ma quei pochi non sono tra chi ha progettato e voluto l’opera), si trasforma in imbuto laddove le corsie passano da tre a due, a Quarto d’Altino. "Non abbiamo sentito nessuno chiedere scusa – continua il presidente dell’Associazione dei consumatori che ha sede nazionale proprio a Mestre -, soltanto uno scaricabarile che ha tutta l’aria di una precoce campagna elettorale dove chi sbaglia è sempre quell’altro, mentre gli amministratori che avrebbero potuto decidere l’apertura dei caselli hanno invece voluto i pedaggi fino all’ultimo centesimo. Nessuno ha parlato di dimissioni, neanche da parte di gente che non ha percezione della realtà. Logico: finché si viaggia su un’auto blu non si può averlo. Gente che se fosse stata in una ditta privata domenica (il giorno dopo il blocco del Passante, ndr) avrebbe ricevuto un bel calcio nel sedere, ma che invece a fine anno magari si prenderà pure un premio: auto assegnato. Non chiederemo nulla di anomalo – continua Garofolini – solamente che, come abbiamo diritto ad un risarcimento in caso di interruzione del servizio dell’energia elettrica, sia possibile essere risarciti anche in caso di interruzione di un pubblico servizio come quello autostradale. Anche perché come al solito le segnalazioni non hanno funzionato. Per questo i nostri avvocati sono già al lavoro, pronti ad accogliere le adesioni di chi ha perso un giorno di ferie imprigionato in auto sotto il sole cocente.  Anche il Codacons è pronto a coordinare un’azione legale collettiva degli automobilisti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox