26 Marzo 2020

Civitavecchia, è caos navi Il sindaco: solo transito per migliaia di passeggeri

Civitavecchia ( Roma) Si fa sempre più difficile la situazione a Civitavecchia, uno dei porti europei di maggior transito delle navi da crociera e, da una settimana a questa parte, anche l’ unico punto di riferimento dei traghetti da e per la Spagna. Il sindaco Ernesto Tedesco è stato infatti categorico: «A Civitavecchia non entra nessuno». E così ieri mattina è iniziato lo sbarco da una nave, ma praticamente senza la possibilità per i passeggeri di toccare terra, con altre due in attesa nel porto e una quarta in arrivo, al pari di due traghetti da Barcellona. Ma andiamo con ordine: nella mattinata di ieri è iniziato lo sbarco dei passeggeri della “Costa Pacifica”, in tutto 905 passeggeri e dopo che altri 1.454 erano già sbarcati a Genova. La compagnia Costa ha organizzato il trasferimento in autobus alla volta dell’ aeroporto di Fiumicino, così da rendere più agevoli le operazioni di rientro dei turisti, tutti partiti prima che scattassero i divieti e senza alcun caso di contagio. Dalla Costa fanno sapere che “nonostante il contesto non facile a causa delle restrizioni ai viaggi imposte da diversi paesi in Europa e nel mondo, la compagnia è riuscita a organizzare con successo in autonomia transfer e aerei per il rientro degli ospiti in sicurezza”. Ma intanto sempre ieri al porto di Civitavecchia è arrivata anche la “Victoria”, con 1.400 persone a bordo tra equipaggio e passeggeri, uno dei quali, di nazionalità argentina, nei giorni scorsi era stato fatto scendere a Creta perché risultato positivo al coronavirus. Tra oggi e domani dovrebbero sbarcare an- che loro, sempre con le stesse modalità di solo transito verso Fiumicino, dopo il braccio di ferro tra il sindaco Tedesco, contrario all’ attracco, e il ministro dei Trasporti Paola De Micheli che invece ha deciso diversamente. Le operazioni di sbarco potrebbero essere più lunghe e complicate, anche per la difficoltà a reperire altri autobus. C’ è poi la situazione della “Msc Grandiosa”, ormeggiata al largo oramai da una settimana: a bordo è rimasto il solo equipaggio, ma nessuno potrà scendere finché i Paesi di provenienza dei marinai non organizzeranno i rimpatri. Domani, inoltre, è previsto l’ arrivo di un’ altra nave da crociera che stava facendo il giro del mondo: a bordo ci sono 65 contagiati e nessun altro Paese finora li ha fatti scendere. Da Civitavecchia fanno sapere di non essere attrezzati, con l’ ospedale cittadino e la rsa “Madonna del Rosario” già costrette a chiudere due reparti per destinarli ai contagiati da Covid-19 dopo la scoperta di un focolaio di infezione. E intanto in queste ore sono attesi due traghetti provenienti da Barcellona, con circa 200 passeggeri in totale, esclusi i camionisti che invece potranno transitare regolarmente. L’ unico varco al porto è presidiato dalla Polizia locale e l’ ordine è quello di non far passare nessuno, tanto più che lunedì scorso è stato presentato un esposto alla Procura della Repubblica e alla Guardia di Finanza, da parte del Codacons, dopo un video circolato in rete a documentare lo sbarco di un altro traghetto proveniente dalla Spagna, con centinaia di persone ammassate e senza alcun limite di sicurezza. RIPRODUZIONE RISERVATA.
igor traboni

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox