15 Giugno 2007

Cinghia rotta a 85mila km,risarcito

Cinghia rotta a 85mila km,risarcito

Lodi, 200 euro per danno esistenziale


Se la vostra macchina si rompe prima del previsto potreste essere risarciti per “danni della riparazione ed esistenziali“. E` successo al proprietario di un`auto a cui si è rotta la cinghia di distribuzione dopo 4 anni e 82.500 chilometri. L`uomo ha ottenuto dal giudice di pace di Lodi la condanna della casa automobilistica al risarcimento dei danni della riparazione – 1.232 euro – e di 200 euro per danno esistenziale.

L`automobilista, assistito dall`ufficio legale del Codacons, aveva acquistato nel 2001 la vettura da un concessionario ricevendo un libretto di garanzia per 12 mesi dalla data dell`acquisto e aveva diligentemente provveduto a far eseguire sull`auto i tagliandi e la manutenzione prevista dal costruttore. Ma la sostituzione della cinghia di distribuzione era prevista dal libretto di uso e manutenzione dopo 120.000 km o cinque anni.

La rottura del particolare di gomma aveva provocato il blocco dell`auto e il fermo in officina per quattro giorni per la riparazione, oltre naturalmente alle spese ingenti per la riparazione. “Una sentenza importante – ha commentato l`avv. Maria Donzelli del Codacons – secondo la quale, anche se la macchina è stata acquistata presso terzi, il consumatore può sempre scegliere di citare direttamente in giudizio il costruttore, il quale deve rispondere anche trascorsi i 12 mesi dall`acquisto. Soddisfazione infine per il riconoscimento di un danno esistenziale, dato per il disagio patito dal consumatore“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this