2 Agosto 2018

Cicche sulla spiaggia, raccolta in cambio di una bella t-shirt

nella rete sono finiti 4mila mozziconi
Lucia J. IAIA Le cicche di sigarette, gettate con disinvoltura ed indifferenza, sulle spiagge impiegheranno ben 10 anni per degradarsi nell’ ambiente. Da questo dato inconfutabile, nasce la campagna di sensibilizzazione lanciata da Legambiente di Maruggio. Ciccachallenge, è la sfida che in tanti, domenica, hanno raccolto sulle spiagge di Campomarino, in collaborazione con Clean Sea Life. «In appenadue ore di tempo racconta il presidente di Legambiente, Gianfranco Cipriani – su un limitato tratto di spiaggia a ridosso del porto turistico diCampomarino, circatrenta personesi sono radunate ed hanno partecipato alla nostra iniziativa, raccogliendo circa 4mila mozziconi di sigaretta, trovati sull’ arenile, per unvalore commerciale all’ origine di circa mille euro». Questo è il bottino della prima edizione locale della campagna di sensibilizzazione ambientale, ideata daClean Sea Life e facente parte di un progetto co-finanziatodall’ Ue. Lo scopo è quello di accrescere l’ attenzione del pubblico sulla quantità di rifiuti presenti in mare e sulle spiagge, dimostrando che ne siamo tutti responsabili e promuovendo l’ impegno attivo e costante per l’ ambiente. Con un gazebo in spiaggia, i ragazzi del locale circolo dellaLegambiente, hanno accolto i numerosi partecipanti all’ iniziativa che, previo la raccolta in spiaggia di un equivalente diuna bottiglia da 50 cl di mozziconi di sigaretta, hanno ricevuto in premio una simpaticat-shirt offerta daClean Sea Life. «In appena 2 ore di raccolta evidenzia Cipriani – ci siamo ritrovati circa4mila mozziconi di sigaretta, e tutte le t-shirt e gadget vari a disposizione distribuiti. Una grande soddisfazione quindi per l’ ottima riuscita di questa prima campagna di sensibilizzazione tematica che, di fatto, ha sottratto al nostro mare migliaia di mozziconi di sigaretta». Una formula, questa della t-shirt in cambio di una bottiglia di plastica piena di mozziconi di sigarette che ha fatto breccia soprattutto tra i più giovani, veicolando un messaggio importante come appunto quello di non abbandonare rifiuti sulle spiagge. È bene ricordare come da un paio d’ anni siano previste delle multe fino a 300 euro per chi abbandona mozziconi di sigarette in spiaggia. La normativa nazionale, legata ad una campagna di sensibilizzazione lanciata dal ministero dell’ Ambiente, sembra aver aperto la strada ad un nuovo divieto che potrebbe colpire i fumatori sulle coste italiane. Se ne discute da tempo ed anche il Codacons ha recentemente avanzato una richiesta in questo senso, ma «solo nei casi in cui sia presente nelle immediate vicinanze una donna incinta o un minore».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox