25 Giugno 2011

Cibo, contro il caro prezzi arriva la filiera corta

Dopo la denuncia del Codacons sui rincari nelle filiere agroalimentari, con prezzi che aumentano anche del 600% (lattuga e pomodori) o del 1.100% (melanzane) dal produttore al cliente finale, l’ assessore regionale Gianni Salvadori risponde che la vera soluzione è la filiera corta. "Per favorirla – spiega Salvadori – stiamo cercando di creare piattaforme tra agricoltori e grande distribuzione". Intanto la Regione presenta 40 progetti già attivi per diffondere la filiera corta e la cultura del cibo "local". 1) Il mercatale di Empoli, secondo sabato di ogni mese in piazza della Vittoria 2) Il mercatale di Sovicille, in piazza Marconi il terzo sabato del mese 3) Il mercato di produttori di Fivizzano e Marina di Massa, il terzo sabato del mese viene sospeso in inverno 4) Il mercato itinerante di produttori di Firenze 5) Il mercato di produttori di Volterra in piazza della Pescheria, tutti i primi sabato del mese 6) Il mercato di produttori a San Miniato, ogni terza domenica del mese in piazza Dante 7) Il mercato di produttori della provincia di Livorno in piazza Guerrazzi a Cecina ogni terzo sabato del mese 8) Il comune di Prato ha inaugurato il mercato di produttori in piazza del Mercato Nuovo ogni terzo sabato del mese 9) La provincia di Grosseto ha inaugurato il mercato di produttori, realizzando un mercato itinerante su molti comuni del territorio 10) il comune di Castelnuovo Barardenga ha avviato il proprio mercato di produttori 11) Ogni 15 giorni il secondo e quarto sabato del mese presso il Foro Boario a Lucca 12) Il mercato di Capannori in località Marlia, presso l’ ex mercato ortofrutticolo che si tiene ogni 15 giorni il primo e il terzo sabato del mese 13) Il mercato di produttori di Borgo San Lorenzo, realizzato dalla Comunità montana del Mugello 14) Il mercato di Ruga di Ponte Buggianese, che si tiene ogni terza domenica del mese nel viale Giacomo Matteotti 15) Il mercato della Terra di San Giuliano Terme, con 25 produttori, che si tiene ogni seconda domenica del mese nell’ area parcheggio di Carrefour 16) Il mercatale di Sansepolcro, che si tiene in piazza Torre di Berta il terzo sabato del mese 17) Il mercatale di Bibbiena, il quarto sabato del mese in piazza Tarlati 18) Il mercato di produttori Il Pagliaio di Greve in Chianti, che si tiene la quarta domenica di ogni mese in piazza Matteotti 19) il mercatale di Montevarchi che è stato il progetto pilota di tutte le iniziative, si tiene in piazza Varchi e via Roma 20) Il mercato coperto di Montevarchi, in piazza XX settembre. 21) A Trequanda, lo spaccio in località Castelmuzio, aperto nel fine settimana 22) A Camporgano l’ ortomercato della comunità montana Garfagnana 23) Lo spaccio a Castelnuovo Barardenga 24) Lo spaccio della Val Bisenzio, presso il Frantoio loc.Le Fornaci di Vaiano 25) L’ emporio del Gusto a Volterra nel centro storico in via San Lino 26) Lo spazio contadino di Massa realizzato in piazza del mercato 27) Lo spaccio locale della Montagna Fiorentina a Pontassieve presso la Cantina Vicas 28) La bottega degli allevatori a Pontedera 29) La bottega dei buoni frutti a Mulazzo, località Baceda 30) A Barberino val d’ Elsa lo spazio all’ interno della GDO 31) A Volterra è stato inaugurato il primo progetto Arte e Cibo all’ interno del museo Etrusco Guarnacci 32) Alla casa Museo di Monticello Amiata è stato inaugurato il primo progetto Arte e cibo della Comunità Montana Amiata Grossetano 33) Alla biblioteca comunale di Massa Marittima è stato inaugurato il progetto Arte e cibo della provincia di Grosseto 34) Il comune di Vaiano ha realizzato iniziative legate a Galileo Galilei 35) Il comune di Asciano ha inaugurato il progetto Arte e cibo 36) Il comune di Montepulciano ha inaugurato un progetto sia nel museo che nella sede dell’ ufficio informazioni della Strada del Vino Nobile Montepulciano 37) A Montemurlo è stato avviato il primo progetto di Patti di filiera dedicato a olio e vino locale nella ristorazione 38) E’ stato avviato il patto di filiera del Circondario Empolese Valdelsa 39) Il progetto della provincia di Grosseto che ha ampliato e ridefinito le già presenti iniziative di Vetrina Toscana a Tavola 40) La Cciaa di Firenze ha avviato un progetto sull’ olio toscano con la partecipazione di molti ristoratori dell’ area fiorentina 41) Progetto speciale del comune di Montevarchi sul controllo della qualità dei prodotti e dei prezzi 42) Progetto speciale Cambusa del Comune di Montemurlo, con il quale viene realizzato un paniere di prodotti toscani da proporre al mercato della nautica.
 
 
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox