22 Settembre 2019

Ci piazzano 17 miliardi di tasse verdi Ma pianteranno due alberi in città

l’ allegato al decreto ambientale scopre la dura realtà sotto la fuffa green. tagli alle detrazioni per trasportatori e agricoltori, sforbiciata all’ iva agevolata. poi lo zuccherino: vegetazione nelle aree urbane. i fondi? 15 milioni
claudio antonelliLe borracce in classe, i venerdì senza scuola e le manifestazioni trasversali per lanciare il Green new deal. La grande fuffa cool, ammantata di promesse che vogliono salvare il pianeta, nasconde solo ipocrisia sinistroide e nuove tasse. Sull’ ipocrisia nemmeno vale la pena soffermarsi. Fiumi di inchiostro sprecati per decantare il viaggio in barca a vela di Greta Thunberg attraverso l’ oceano Atlantico hanno omesso il dettaglio fondamentale. Per farla tornare indietro e spedire l’ equipaggio incaricato di riportare la barca in Europa sono serviti ben sei biglietti aerei. Le sarebbe bastato fare una conference call. E finiva lì. Su come arriva la fregatura delle tasse, invece serve una premessa. Il nuovo corso dell’ Europa guidata da Ursula von der Leyen mira a investimenti verdi. Basta austerità, bisogna spendere in infrastrutture ecologiche e in auto elettriche e così via. Spesa che finirà a sviluppare tecnologia tedesca e francese e che destina l’ Italia a diventare un Paese di consumatori e non più di produttori. Il governo, a Roma, invece di ribattere che dobbiamo puntare su spazio, industria della Difesa (che fornirà tecnologia di primo livello) e sul comparto agroalimentare (che garantirà l’ export nei prossimi 30 anni), si accoda passivamente all’ Ue. Da Giuseppe Conte a Roberto Gualtieri è tutto un invocare euro da spendere per diventare anche noi un Paese civile, per diventare globalizzati e «green». Guardate la Germania, fanno capire, guidata da Angela Merkel . A Berlino hanno capito che per uscire dalla crisi servono investimenti verdi e dunque ecco il piano: 100 miliardi per tagliare le emissioni di CO2, rendere l’ agricoltura più efficiente e abbandonare il carbone. Peccato che noi non possiamo fare nulla di tutto ciò – questa è la vulgata – perché i sovranisti hanno scassato i conti e i soldi non ci sono. Ma i giallorossi non vogliono essere da meno rispetto ai cugini europei e quindi hanno deciso di preparare un decreto legge sull’ ambiente che contiene addirittura 16,8 miliardi di tasse. Una batosta che sarà ogni giorno occultata dai giornaloni. Il diktat è spiegare che, se l’ Italia vuole tornare sul podio, dovrà pagare il pegno verde. È vero, i conti non sono in ordine, ma non lo sono da oltre 20 anni e il debito pubblico cresce ininterrottamente dal 2011. Dunque Lega e sovranisti non c’ entrano, e soprattutto se volessimo favorire la blu economy o la cosiddetta economia circolare non servirebbe spesa aggiuntiva. Perché si tratterebbe di un processo autosostenibile per definizione. Solo che i giallorossi devono preparare il Nadef, l’ aggiornamento al documento di finanza pubblica, e avviare la legge finanziaria 2020. Nonostante abbiano sbandierato la flessibilità, sanno bene che l’ Ue ha imposto di restare nei parametri e dunque servono nuove tasse.È emerso in modo palese in occasione dello scorso Cdm quando il decreto ambientale è stato stoppato per mancanza di coperture. Che ora sembrano essere state individuate. Basta prendere la relazione illustrativa allegata alla bozza del decreto per vedere in quali portafogli metteranno le mani. Il testo prevede un taglio secco delle detrazioni fiscali al comparto dell’ agricoltura e della pesca per un totale di 5,9 miliardi di euro. Altri 1,5 ricadranno sugli autotrasportatori, 3 miliardi sono ancora da definire (sono sotto la voce «varie ed eventuali») e, infine, ben 6,1 miliardi sono ritocchi sull’ Iva agevolata. Totale: quasi 17 miliardi. La conferma dunque che i giallorossi, sponsor del Conte bis in nome dello stop all’ aumento dell’ Iva, faranno esattamente l’ opposto. La cosa ancora più grave è che, in nome dell’ ecologismo patinato, l’ attuale governo voglia bastonare gli agricoltori che devono concorrere con la globalizzazione e consentire all’ agroalimentare di mantenere alta la bandiera del made in Italy. L’ abolizione dell’ Irpef agricola corrisponde a un mancato gettito di 1,3 miliardi di euro, ma è una grande leva per i contadini. Farla saltare è insulto a qualunque strategia e visione. Poi c’ è la rimodulazione dell’ Iva che finirà per colpire i prodotti che escono dalle fattorie per finire nella grande industria. Immaginate materie prime come il latte. Oggi, nel caso del fresco, l’ imposta è al 10%. Domani potrebbe essere il 22%. E quindi tutti quelli che venerdì erano in piazza per rilanciare gli slogan di Greta scopriranno che la panna costerà di più e che quando andranno in un agriturismo le tariffe saranno più alte per colpa del taglio delle detrazioni. Mentre gli agricoltori si dovranno consolare con il progetto di riforestazione urbana. Già, dentro il decreto è previsto che le città vengano piantumate per concorrere al grande concorso europeo green city award. Budget a disposizione? 15 milioni. Neanche la fatica di ingannare gli elettori. Certo, il decreto contiene anche qualcosa di buono. Non ci riferiamo all’ ecobonus per le auto, ma agli incentivi in più per sostituire le caldaie inquinanti e l’ istituzione di un commissario per le discariche illegali. «Se ci fossero ancora dubbi sull’ operazione in atto», spiega Giulio Centemero, leghista componente della commissione Finanze, «invitiamo tutti a fare i conti dei danni che il comparto agricolo subirà. Eppure il governo fa finta di voler creare un cultura verde. Ma se volessero insegnare l’ ecologia a scuola, i giallorossi non dovrebbero abolire l’ educazione civica». Come la Lega, anche il Codacons spara contro il decreto: «Costerà solo agli automobilisti 2,2 miliardi». Mentre a sostenere Conte e le tasse c’ è Confindustria che poco si cura degli agricoltori. Senza contare che quando c’ è da schierarsi dalla parte sbagliata Vincenzo Boccia è una garanzia.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox