14 Aprile 2020

Chiesta la possibilità di raggiungere gli orti familiari e i vivai

dello stesso parere è l’ ex consigliere comunale di polla, raffaele cammardella
Un permesso per raggiungere i propri orti, piccoli appezzamenti di terreno non professionali e potersi recare presso aziende vovaistiche dove poter acquistare semi e piantine da mettere a dimora. Il Codacons del Vallo di Diano – Settore Agricoltura, a firma del responsabile Salvatore Gasparro, lancia una proposta per cercare una soluzione alla noia della quarantena obbligata per i soggetti che hanno la fortuna di possedere dei campi coltivati per il proprio fabbisogno personale e familiare. “Come responsabile del Settore Agricoltura Codacons per il Vallo di Diano vorrei focalizzare l’ attenzione sulle problematiche e sulle limitazioni riguardanti le coltivazioni non professionali (ma non meno importanti) degli orti familiari per la sussistenza familiare e tutela ambientale. Le attuali delibere consentono la coltivazione dei terreni da parte di professionisti mentre per hobbisti e per orti familiari solo se i terreni sono nelle immediate vicinanze della propria abitazione. L’ agricoltura non professionale, spesso sottovalutata dalle normative, non è di minore importanza in quanto i prodotti derivanti incidono fortemente sul bilancio familiare di chi la pratica. Quest’ anno, le produzioni familiari, sembrerebbero assumere ancora più importanza in funzione sia del calo dei redditi conseguenti al blocco delle varie attività che dalle previsioni sulla reperi bilità e sul prezzo degli ortaggi che non lascia intendere nulla di buono. L’ agricoltura familiare è di notevole importanza e supporto anche alle aziende vivaistiche produttrici di piantine da ortaggio assorbendo gran parte della loro produzione. L’ agricoltura familiare ha bisogno di supporto da parte degli organi di Governo. In quasi tutta la Regione è questo il momento della preparazione dei terreni e della messa a dimora delle piantine che in luglio -agosto settembre daranno i loro frutti, ritardare queste operazioni significa compromettere le produzioni dell’ agricoltura familiare, significa un duro colpo al bilancio domestico, significa aggravare ulteriormente il vivaismo professionale. La nostra associazione pertanto chiede di prendere in considerazione a livello regionale la possibilità di inserire in modo celere in Decreto la possibilità di spostamenti alle persone (unitamente a familiari conviventi) dalle proprie abitazioni verso i propri orti familiari ed aziende vivaistiche per l’ acquisto di sementi e piantine, anche se distanti da casa o in altro Comune, ferme restanti tutte le precauzioni ed i dpi del caso nonché la documentazione per gli spostamenti (autocertificazione)”. Dello stesso parere è un ex consigliere comunale di Polla, Raffaele Cammardella, agronomo, che ha scritto una lettera al sindaco Rocco Giuliano ed alla sua amministrazione in merito all’ agricoltura individuale. “In quanto conoscitore della nostra realtà rurale, avendo recepito alcune considerazioni da agricoltori e coltivatori del luogo, intendo fornire alcuni elementi di riflessione utili ad indirizzare le decisioni future in ordine al settore di riferimento”. Cammardella promuove le varie prescrizioni per garantire la quarantena e il blocco del contagio ma allo stesso tempo chiedi all’ amministrazione di provvedere affinché “i possessori conduttori di terreni agricoli di non siano multati mentre si recano sui fondi propri per svolgere quelle operazioni colturali primaverili richieste, improrogabilmente, in questo periodo, pena il rischio di compromettere l’ intera annata agricola, anche se solo a sostegno della propria famiglia. Chiedo pertanto, di adoperarsi affinché gli spostamenti “da” e “verso” i fondi rustici, anche per ottemperare agli obblighi di soggetti che si dedicano allo svolgimento delle attività agricole, vengano sempre in ogni caso annoverati, ai fini autorizzativi, tra le situazioni di necessità. Tale disposizione, suppongo, non apporterà alcun aggravio alla diffusione del contagio del virus e nel contempo arrecherà sicuri ed indiscutibili vantaggi alla popolazione residente, sia in termini economici che sociali”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox