3 Giugno 2020

“Chi non accetta voucher ha diritto a restituzione di quanto pagato”: il Codacons lancia offensiva in Abruzzo

 

Un’ offensiva per contro i voucher, strumento introdotto dal Governo come unica forma di rimborso per gli utenti che, a causa dell’ emergenza coronavirus, si sono visti annullare concerti, spettacoli, viaggi e vacanze, o che non hanno potuto usufruire di servizi già acquistati come palestre e piscine. A lanciarla è il Codacons a tutela dei cittadini abruzzesi.”Numerosi consumatori dell’ Abruzzo – si legge nella nota del Codacons – ci hanno scritto negli ultimi giorni denunciando come agenzie di viaggio, palestre, compagnie aeree, offrano loro un voucher da utilizzare entro un anno come indennizzo per la cancellazione di partenze o per abbonamenti non usufruiti durante il lockdown Questo perché il governo – spiega il Codacons – attraverso il Decreto Cura Italia e il Decreto Rilancio, ha previsto l’ emissione del voucher come forma di rimborso nel settore del turismo, degli spettacoli e dello sport. Una pratica contestata dal Codacons ed entrata nel mirino della Commissione Europea, che ha sottolineato come il voucher come unica possibilità di indennizzo leda i diritti dei consumatori”.Per questomotivo il Codacons ha messo a disposizione sul proprio sito i moduli attraverso i quali gli utenti abruzzesi che non intendono accettare i voucher possono chiedere la restituzione di quanto pagato a compagnie aeree, agenzie di viaggio, tour operator, palestre, piscine, organizzatori di concerti e spettacoli.”Chi ha acquistato un biglietto per un evento che non sarà replicato o chi, per paura del coronavirus deciderà di non partire più o di non frequentare palestre e piscine, ha diritto alla restituzione di quanto pagato, al pari di chi magari cambierà residenza e non potrà più usufruire dei servizi acquistati, o di chi semplicemente necessita di liquidità – spiega il presidente Carlo Rienzi – Il Governo, attraverso bonus, sgravi fiscali e altre misure ha già pensato a sostenere le piccole imprese danneggiate dal coronavirus, che non possono certo essere finanziate a spese dei cittadini”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox