19 Luglio 2002

«Che fatica difendersi dai soprusi»

I CONSUMATORI


«Che fatica difendersi dai soprusi»

Il Codacons: solo 2 romani su 10 decidono di reagire alla burocrazia


Se fanno ricorso, è per una questione di principio. Perché tra lungaggini e moduli da compilare la strada per avere riconosciuti i propri diritti è lastricata di difficoltà. Lunga, costosa e contorta.

Sballottati da un ufficio all?altro, i cittadini finiscono spesso col rivolgersi agli avvocati. E così molte volte, anche in caso di successo, il gioco non vale la candela perché le spese legali vanificano la vittoria.
Molti non sanno che ricorrere al giudici di pace o al prefetto o all?ufficio contravvenzioni non costa nulla. Stesso dicasi per chi bussa alla porta delle associazioni che tutelano i diritti dei cittadini.
Il Codacons mette insieme varie sigle che agiscono in più campi. In questi giorni il coordinamento ha raddoppiato uffici e sportelli aprendo una seconda sede in viale Mazzini 73. «Siamo tempestati di telefonate – spiega Gabriella Arcuri, una dei legali – moltissime riguardano le multe ai varchi elettronici. Più in genere – continua l?avvocato – credo che si avverte in questa città l?assenza di un difensore civico».

Al primo posto nella classifica dei «problemi» che assillano gli utenti ci sono i rapporti con i servizi pubblici. Il 30% dei cittadini che si rivolgono al Codacons lamenta disservizi per bollette Enel, Acea, Italgas, disagi nei trasporti pubblici, poste e banche. Il 24% si ritiene vittima delle compagnie telefoniche, servizi attivati e mai richiesti, segreterie che si attivano da sole, bollette salate. Il 20% ha questioni di tipo contrattuale; il 12% è vittima di multe stradali ingiuste; il 6% ha problemi con le agenzie di viaggio e il 2%, infine, subisce truffe da parte di finanziarie poco corrette.
La classifica rivela un?altra verità: il cittadino non ha ancora imparato a difendersi. Ogni anno raggiri e truffe, spiega sempre il Coordinamento, fanno uscire dalle tasche dei romani 5 milioni di euro. Solo due utenti su dieci sono decisi però a far valere i propri diritti e uno solo si rivolge alle autorità.
Il Codacons ha fatto i conti in tasca ai romani e ha scoperto che troppo spesso sono inclini «a ingoiare il rospo», Glissano «sulla lavanderia che ti rovina il capo»; «sulla compagnia telefonica che ti attiva il servizio a tua insaputa» o «sull?agenzia turistica che ti rovina il viaggio».

Ma sono le multe ?elettroniche“ in questi giorni a tenere banco. «La casistica – conclude l?avvocato Arcuri – è vastissima. Ieri si è presentato da noi un disabile che ha ricevuto per oltre un mese due multe al giorno e sempre per il divieto di accesso alle Zona a traffico limitato. Moltissimi sono poi i cittadini multati nelle scorse festività natalizie perché non erano stati informati che la limitazione era stata estesa anche dalle 18 alle 20».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox