8 Marzo 2019

Cerrelli non desiste e scatta contromanifestazione

di GIACINTO CARVELLI CROTONE – E’ stata confermata, nonostante le reazioni sdegnate a livello nazionale, l’ iniziativa annunciata dalla Lega Savini premier di Crotone, oggi dalle ore 16 alle ore 20,30, in occasione della Festa della Donna, con un un gazebo in via Vittorio Veneto, nelle adiacenze del Comune, per la distribuzione del volantino. Per il segretario della Lega di Crotone, Giancarlo Cerrelli, si trattava di sei punti che prendevano di mira «chi offende la dignità della donna». In realtà, ad offendersi sono state proprio le donne, e non solo quelle di Crotone, tanto che il contenuto del manifesto ha scatenato reazioni indignate. Perfino il leader nazionale della Lega, Esposto Matteo Salvini, ha preso le di del Codacons stanze, anche se parzialmenalla Presidenza te, sottolineando di non con del Consiglio dividerne alcuni contenuti. A conferma che il mondo femminile non abbia preso affatto bene ciò che la Lega crotonese ha scritto, lo dimostra il fatto che, oggi a Crotone, in piazza Duomo si svolgerà un sit in organizzato dal comitato “Non una di meno” a difesa dei diritti di genere. L’ iniziativa è stata promossa per la «sensibilizzazione contro ogni forma di violenza contro le donne, “contro ogni tentativo di riportare le donne ad uno stato di sudditanza e subalternità». Il comitato “Non una di meno” di Crotone, inoltre, nel presentare l’ assemblea sottolinea che si oppone con forza «sia al decreto Pillon che alla proposta di abolizione della legge 194 che garantisce Gazebo alle donne il diritto di inter nonostante ruzione di gravidanza». Inile distanze zialmente la manifestazio di Salvini ne era stata promossa in piazza della Resistenza, ma poi è stata spostata, proprio per evitare possibili contatti con quella della Lega, è stata spostata in piazza Duomo. Sono molte le associazioni ma anche i rappresentanti istituzionali che hanno annunciato la partecipazione alla manifestazione. Le reazioni contrarie si sono tramutate in una denuncia da parte del Codacons alle Pari Opportunità contro la Lega di Crotone, dopo la pubblicazione del volantino realizzato per l’ 8 marzo. L’ associazione ha chiesto l’ apertura di «un’ apposita istruttoria sul caso adottando tutti i provvedimenti opportuni, con invito a relazionare in merito alle azioni che verranno intraprese alla luce del presente esposto». Per il Coda cons, «il messaggio lanciato risulta non solo spiacevole, ma anche lesivo e offensivo per tutte le donne italiane, oltre che in violazione del diritto alle pari opportunità uomo -donna. Un volantino sessi sta che regala una visione retrograda della donna». Cerrelli, però, non demorde ed alla stampa ieri ha ribadito che «non abbiamo scritto che il ruolo della donna è quello di restare a casa ed accudire i figli. Ma per sua natura il ruolo della donna è essere madre. In- Giancarlo Cerrelli vece oggi una donna che fa figli viene considerata una donna che non è normale». E le posizioni di Cerrelli hanno trovato sponda nei militanti di Forza Nuova Calabria che, sempre oggi, saranno nella medesima via Vittorio Veneto per distribuire anch’ essi «un volantino che rimarca il ruolo della donna, vista come una patriota combattente e, nei suoi ruoli, organica alla lunga marcia del popolo italiano, lo stesso che sta riscoprendo l’ orgoglio nazionale e si è destato da un lungo letargo».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox