24 Febbraio 2002

Centralinista del 187 fa causa

Centralinista del 187 fa causa: domani l`udienza

Si ammala per il fumo passivo e decide di trascinare la Telecom davanti al giudice

Lei non fuma, ma i medici le hanno diagnosticato la classica malattia dei fumatori. Maria N. dipendente Telecom del servizio 187 della sede di Bari ha trascinato l`azienda in tribunale rivendicando il diritto alla salute, tutela sancita dalla Costituzione. La donna, non fumatrice, che lavora in un open-space, unica stanza di lavoro in cui lavora gente che fuma e non, è stata costretta a subire il fumo passivo dei suoi colleghi.
La dipendente – come informa un comunicato del Codacons – ha sviluppato, oltre ai numerosi altri disturbi tipici, una patologia alla laringe molto preoccupante. Per questo motivo si è rivolta ai legali del portale www.articolo32.net, associazione che si occupa esclusivamente della tutela del diritto alla salute (il sito prende il nome proprio dall`articolo della Costituzione).
La donna, assistita dagli avvocati Marco Ramadori e Vincenzo Masullo, ha avviato un`azione legale contro il colosso telefonico italiano, accusato di non aver fatto rispettare il divieto di fumo dei suoi uffici.
«La sentenza n. 399/96 della Corte costituzionale – precisa il Codacons – afferma che i datori di lavoro devono scongiurare i rischi che alla salute dei lavoratori possono derivare dal “fumo passivo“. L`art. 2087 c.c. e il D. Lgs. 626/94 obbligano inoltre i datori di lavoro ad intervenire a tutela dei lavoratori non fumatori».
Domani, dunque, è prevista la prima udienza «cautelare» presso la sezione lavoro del tribunale di Bari. Il caso è stato affidato al giudice, dott. Baldi, che dovrà decidere, innanzitutto, se accogliere la procedura d`urgenza o rigettare la richiesta rinviando ogni discussione direttamente al merito della causa.
Il giudice, comunque, potrebbe comunque obbligare la Telecom a vietare il fumo nei suoi luoghi di lavoro e, disporre, se lo riterrà necessario, una provvisionale a titolo di risarcimento danni a favore della dipendente.
Su quest`ultimo punto, però, molto probabilmente bisognerà attendere l`ulteriore giudizio di merito.
L`iniziativa, comunque, non è del tutto occasionale e si ricollega a una recente iniziativa, adottata dal ministro della Salute, intenzionato a intraprendere una «crociata» contro il fumo.

    Aree Tematiche:
  • FUMO
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox