2 Dicembre 2010

Cenone più caro, ma aumenti contenuti

Addobbi, giocattoli e spumante che batte lo champagne. Nel carrello della spesa di Natale sono queste le voci interessate dal ritocco all’insù. A dirlo è il Codacons che nella consueta indagine sull’andamento dei prezzi, per le prossime feste prevede una spesa più alta ma contenuta: +15 euro a famiglia. Nel complesso, la somma che gli italiani spenderanno quest’anno non si scosterà da quella affrontata nel 2009 (più o meno tra i 200 e i 250 euro).
Salgono i prezzi di libri e giochi
Brindare costerà di più. Lo spumante dal 2009 è aumentato del 3,7% mentre il vino rosso quasi del 10%. Stabili i prezzi di cotechino, pandoro, torrone e panettone. Anche il tradizionale albero di natale costerà come l’anno scorso, mentre sale il prezzo degli addobbi: fiocchi e carta per impacchettare, luci e palline. Aumentano anche i giocattoli (+10,8% le costruzioni, +5,1% le bambole) e libri (in media 20 euro a volume). Con un occhio al portafogli e uno alla tradizione, però, gli italiani non rinunceranno al cenone. Otto italiani su 10 non taglieranno le spese per la tavola – dice Coldiretti -, e il 17% spenderà qualcosa in più. Dei 3,5 miliardi di euro spesi in alimenti, per la Confederazione italiana agricoltori andranno forte: carni, salumi e vini.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this