10 Luglio 2003

Catania, B senza condizioni

Lo ha detto il presidente della Lega Galliani. Il 23 luglio il Consiglio federale deciderà il numero di squadre per la prossima serie cadetta.





MILANO, 9 luglio 2003 – Nel porto delle nebbie sembra sia attraccata la nave-Catania. Il condizionale è d`obbligo visto tutto quello che si è scatenato intorno alla vicenda, ma al termine del Consiglio federale un tassello è stato posto: il presidente della Lega, Adriano Galliani, non ha usato perifrasi per annunciare l`iscrizione della squadra siciliana alla serie cadetta. “Abbiamo deciso l`ammissione senza condizioni del Catania in B“. Non solo, un passaggio delle dichiarazioni rilasciate da Galliani dovrebbe servire a rassicurare le altre parti in causa (leggi i vari ricorsi presentati dal Venezia e dal Napoli, che per effetto della nuova classifica si troverebbero a disputare lo spareggio). “La prossima serie B sarà almeno a 21 squadre. Un allargamento a 24? Sarà il Consiglio federale fissato al prossimo 23 luglio a decidere“.


Perché questa data? La risposta è semplice: il giorno prima si terrà l`assemblea di Lega in cui, oltre alla vicenda legata al numero delle squadre del campionato cadetto, si comincerà a parlare anche di eventuali esclusione delle società in crisi economica. Una soluzione, però, che potrebbe anche subire un`accelerata se le tre squadre retrocesse (Genoa, Cosenza e Salernitana) decidessero di non aspettare rivolgendosi subito al Tar.


E siccome non tutte le ciambelle riescono con il buco, ecco che alle dichiarazioni di Galliani fanno da contraltare quelle di Antonio Matarrese, vicepresidente della Lega. “Saremo noi a decidere il numero di squadre che il prossimo anno militeranno in serie B.
Attualmente ce ne sono 21 e non possiamo tenerle perché il nostro statuto non lo prevede. Aspettare il 22 luglio? Fare delle retrocessioni a causa dei bilanci economici sarebbe gravissimo. Questi sgambetti non convengono a nessuno. Spiegherò, un giorno non molto lontano, dove sono stati gli errori“. In sostanza Matarrese spinge perché ci sia una decisione in breve tempo. Tra l`altro proprio nei giorni scorsi aveva auspicato un intervento risolutore del Coni per stabilire una volta per tutte il numero di squadre partecipanti al prossimo campionato di B. L`ostacolo alle 24 squadre è di natura economico (ci sono i soldi dei contributi da dividere: più società ci sono, più si riduce la fetta della torta), ma le squadre retrocesse sembrano intenzionate a rinunciare alla loro parte.


Un problema che non riguarda il Catania e i suoi dirigenti. “Non ne potevamo più – ha dichiarato Luciano Gaucci -, siamo stati sotto stress per troppo tempo. In appena due mesi abbiamo dovuto disputare undici cause. In quarant`anni di carriera non ho mai vissuto una situazione simile. È stato come combattere e vincere una guerra mondiale“. Da registrare, inoltre, la presa di posizione del Codacons che chiede “Nell`interesse degli utenti sportivi in modo da porre così fine ai tanti contenziosi che di certo non giovano allo sport, di ripescare le retrocesse, portando quindi il campionato a 24 squadre, risolvendo definitivamente la situazione e mettendo in pace l`animo dei tifosi, più che mai agitato per vicende che con il calcio hanno davvero poco a che fare“.



Un invito, però, non raccolto da Franco Carraro. Il presidente della Federcalcio al termine della riunione non ha voluto scendere nei particolari, limitandosi a un laconico “Abbiamo deciso all`unanimità di riammettere il Catania in serie B, ma di questa situazione parlerò solo dopo il Consiglio federale del 23 luglio. Per adesso non dico nulla, né della B a 24 squadre, né di quella a 21 squadre“. Per completare il quadro delle stranezze c`è da ricordare che i ricorsi di Venezia e Napoli vanno avanti, mentre la Camera di conciliazione del Paternò (che chiede la riammissione in C1) è stata rinviata per la terza volta al prossimo 23 luglio (guarda caso lo stesso giorno indicato da Galliani).
Insomma, la telenovela continua.



Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox