17 Settembre 2015

Caso Pancalli: il Codacons chiede il ritiro della licenza al tassista

Caso Pancalli: il Codacons chiede il ritiro della licenza al tassista
L’episodio
davanti al Comune, al termine di una riunione del Coni. Il dirigente
sportivo del Comitato Paralimpico è stato costretto a cercare un’altra
auto

Ritiro immediato della licenza per il tassista che ha rifiutato la corsa Luca Pancalli. lo chiede il Codacons: «Non bastano le scuse della città e dei tassisti, e non basta annunciare approfondimenti che lasciano il tempo che trovano – afferma il presidente Carlo Rienzi – Il tassista autore di un gesto così meschino ed esecrabile deve essere punito con il ritiro immediato e definitivo della licenza, considerata la gravità del suo atto e la possibilità di reiterazione di comportamenti illegali». «Rivolgiamo un appello al sindaco Piero Fassino, affinché provveda entro oggi ad adottare il provvedimento richiesto – prosegue Rienzi – Se ciò non sarà fatto, saremo costretti ad adire le vie legali a tutela della categoria dei disabili e denunciando l’immobilismo dell’amministrazione comunale».  

«NIENTE CARROZZINE»  

L’episodio, a Torino, ha avuto come protagonista, suo malgrado, Luca Pancalli, numero uno nazionale del Comitato Paralimpico. Martedì il dirigente sportivo era a Torino, in Comune, dove si è riunita la giunta del Coni. Al termine si è recato a prendere un taxi, di fronte al Municipio, dove è stato costretto a fare i conti con il «no» del tassista. «Il presidente è una persona con un buon carattere e si è abituato a situazioni del genere», racconta l’assistente. Il dirigente sportivo si è così diretto verso un altro taxi, che non ha fatto obiezioni e lo ha accompagnato a destinazione. Stupiti dal comportamento del collega i rappresentanti dei tassisti: «Ci dispiace per l’inconveniente, andremo a fondo», dice Federico Rolando, il portavoce dei tassisti, che promette: «La prossima volta che Pancalli sarà a Torino avrà una corsa omaggio. Mi sembra il minimo».  

LE SCUSE DELLA CITTÀ  

La città di Torino si dice «costernata» per lo spiacevole episodio subito dal presidente del Comitato paralimpico, Luca Pancalli. E, in una nota, «riafferma lo spirito di accoglienza della collettività torinese, da sempre disponibile nei confronti di quanti si trovano in condizioni di disabilità». «Si è trattato – sottolinea l’assessore Domenico Mangone – di una discriminazione esecrabile, ma di un caso isolato. Tuttavia quello del tassista è un comportamento inspiegabile. L’articolo 18 del regolamento dell’area metropolitana non ammette deroghe e la Città approfondirà l’argomento per verificare quali possano essere i provvedimenti previsti in casi come questo. A Luca Pancalli desidero esprimere pubblicamente le scuse della Città per questo sgradevole episodio sul quale l’Amministrazione ha aperto immediatamente un’istruttoria disciplinare». «Piena solidarietà» anche dal sindaco Piero Fassino. «Torino ha sempre espresso e concretamente praticato sostegno e misure a favore della disabilità e questo brutto episodio di insensibilità ci sollecita a intensificare ancor di più il nostro impegno». 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox