fbpx
22 Febbraio 2014

Caso Menarini Palazzo Chigi tra le parti civili

Caso Menarini Palazzo Chigi tra le parti civili

Anche la Presidenza del Consiglio dei ministri si è costituita parte civile al processo per la gestione della casa farmaceutica Menarini. «La corruzione del senatore Cesare Cursi ipotizzata dalla procura fiorentina a carico di Lucia Aleotti costituisce un danno all’ immagine dell’ Italia – ha spiegato l’ avvocato Gianni Cortigiani – E in caso di condanna, i giudici dovranno fissare un indennizzo secondo equità». Sale così a 210 il numero delle parti offese, tra ministero della Salute, Asl, Regioni e Codacons al processo che si è aperto ieri al tribunale di Firenze a carico di Lucia e Giovanni Aleotti, figli del patron della Menarini, Alberto Sergio, e di tre collaboratori, Giovanni Cresci, Sandro Casini e Licia Proietti (storica segretaria dell’ imprenditore di origine emiliana). Per tutti l’ accusa è evasione fiscale e riciclaggio, mentre a Lucia viene contestata la corruzione di Cursi, ex presidente della Commissione industria. Avrebbe spinto il senatore Pdl a favorire la Menarini, presentando un emendamento «su misura» a una legge sui farmaci. In cambio il parlamentare avrebbe ottenuto un contratto per la casa editrice della moglie Viviana, «Viviani srl». Il prezzo della corruzione ammonterebbe a 164 mila euro per la pubblicazione della monografia dedicata a Bronzino. L’ inchiesta è partita nel novembre 2010, quando finirono sotto sequestro conti correnti e polizze per 1,2 miliardi. Una somma colossale che, secondo i pm Giuseppina Mione, Ettore Squillace Greco e Luca Turco, è frutto di operazioni sospette. Operazioni compiute all’ estero con società off shore, che avrebbero permesso alla Menarini di gonfiare i prezzi dei farmaci, costituendo fondi all’ estero e frodando il fisco. Tra gli indagati, anche Alberto Aleotti. Per lui l’ accusa più pesante: associazione a delinquere e truffa ai danni del servizio sanitario nazionale. Ma la sua posizione è stata stralciata per motivi di salute. Il processo, dunque, è iniziato senza il patron. Ma nell’ aula, gremita di avvocati, non c’ erano nemmeno i figli. Valentina Marotta RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox