14 Marzo 2016

Caso Mazzoni, la parte civile: «Provvisionale da almeno dieci milioni»

Caso Mazzoni, la parte civile: «Provvisionale da almeno dieci milioni»

 

Ferrara, 14 marzo 2016 – Si avvicina il giorno della sentenza per Raffaele Mazzoni, il broker infedele che ha lasciato dietro di sé un buco da undici milioni facendo svanire nel nulla i risparmi di quasi 150 famiglie.
Ieri mattina in tribunale, davanti al giudice Debora Landolfi, hanno parlato le parti civili. L’avvocato del Codacons, Bruno Barbieri, ha insistito sulla necessità di una provvisionale per le vittime della truffa. «Le offerte della banca – ha sbottato in aula – non coprivano nemmeno la metà delle perdite. Un atteggiamento vergognoso. Senza una provvisionale consona molte delle persone che io rappresento non potranno godere della ricchezza che avevano risparmiato in tutta una vita».
Secondo Barbieri, la somma da richiedere è «non meno di dieci milioni di euro». Subito dopo la parola è passata al legale di Mediolanum. «Mazzoni – ha tuonato – con la sua assenza al processo è riuscito a dimostrarsi ancora meno credibile di quanto non era apparso finora. La nostra banca – ha poi chiarito – ha sempre perseguito fino in fondo i suoi promotori infedeli».
RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox