25 Ottobre 2018

Caso Gaiatto il legale muta la strategia difensiva

PORTOGRUARO Parziale cambio della strategia difensiva dell’ avvocato di Fabio Gaiatto, Massimo Bissi. Il legale di Ferrara aveva annunciato la scorsa settimana di andare a parlare con il suo assistito al carcere del Castello a Pordenone, per stabilire a tavolino la strategia da adottare da qui in avanti. Ma Bissi ha cambiato idea, decidendo di incontrare il trader accusato di truffa soltanto dopo che il Tribunale del Riesame di Trieste avrà reso note le motivazioni dell’ ordinanza che ha confermato la custodia cautelare in carcere del portogruarese. «Dovremo valutare cosa fare solo dopo la lettura delle motivazioni, non prima», ha dichiarato ieri l’ avvocato Bissi, «certamente agiremo una volta conosciuto quanto hanno espresso quei giudici». Bissi non esclude nemmeno la possibilità di un “pentimento” di Gaiatto, che potrebbe rappresentare una svolta clamorosa all’ inchiesta. A domanda precisa il legale ferrarese si è lasciato scappare un eloquente «Non lo so». La pressione cui è sottoposto Gaiatto in questo periodo di detenzione è infatti notevole. Rimane ristretta ai domiciliari la moglie, Najima Romani. A Portogruaro la settimana era cominciata con la serata informativa organizzata dal Codacons del Friuli Venezia Goiulia, presieduto dall’ avvocato di Pordenone Vitto Claut. Nel corso dell’ assemblea, cui hanno partecipato non più di una ventina di clienti defraudati, Claut ha annunciato che il Codacons continuerà a raccogliere querele, con l’ aiuto di avvocati croati. I clienti presenti hanno poi raccontato le modalità di convincimento operate dai collaboratori di Gaiatto per investire. Si cerca il tesoro di 49 milioni. –Rosario Padovano BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox