19 Settembre 2012

Caso Fiorito, Polverini: “Consiglieri agiscano o li faccio saltare tutti”

Caso Fiorito, Polverini: “Consiglieri agiscano o li faccio saltare tutti”

 ilmessaggero.it

    

ROMA – “La cosa che non mi pare che sia stata compresa dal Consiglio è che bisogna fare. Invece si sta procedendo in una lotta intestina. Vogliono cercare di fare capire all’ opinione pubblica che il presidente della Regione vale un consigliere regionale. Oggi ci sono degli articoli che fanno il conto sul mio staff”. Insomma, avverte la Presidente, che “non mi coinvolgano”. Lo ha detto la presidente della Regione Lazio Renata Polverini, intervenendo a Mattino Cinque. “Io ho il dovere di amministrare e governare . Ci sono andata io in Consiglio – aggiunge – perché non hanno capito nulla. Io mi auguro che la smettano con questo atteggiamento che sta diventando ridicolo per tutti quanti. Io ho molto alto il senso del ridicolo, credo di averlo già superato. O questa storia finisce oggi – ha concluso – o finisce comunque per tutti perché la faccio finire io, perché sono stanca. Molto stanca”. “Sto chiedendo un appuntamento al ministro Cancellieri per capire, nel caso in cui si proceda in questo disastro, quali siano i tempi e le condizioni per andare al voto” ha aggiunto. Con giunta precedente importi superiori . In Consiglio regionale del Lazio “si è passati dal sistema delle cosiddette tabelle, in cui il Consiglio destinava delle quote al territorio con l’ assenso, se non proprio con l’ indicazione, dei consiglieri regionali a una legge, le cui cifre sono quelle che dice il Codacons, che è stata messa in campo dalla giunta precedente e che era di gran lunga superiore agli importi già abnormi di cui purtroppo stiamo parlando” ha aggiunto Polverini, convenendo con quanto denunciato dal presidente del Codacons Carlo Rienzi, anch’ egli in collegamento. Rienzi aveva citato la cosiddetta legge mancia, “25 milioni – ha spiegato l’ avvocato – che la Giunta Marrazzo diede ai vari consiglieri che poi li distribuivano a pioggia ai vari ‘clientì, a piccole associazioni. Abbiamo avuto una sentenza della Corte Costituzionale che ha annullato la legge. Altro che Batman. Polverini vuole restituire questi soldi ai cittadini?”. Polverini ha ripercorso l’ iter della normativa , dicendo che si è appunto arrivati a “una sentenza della Corte che per fortuna ha detto che quel meccanismo non si poteva fare, e a un Consiglio regionale che chiedeva alla giunta un determinato importo per andare avanti. Io – ha aggiunto – sto abusando del mio potere di presidente. Non potrei fare ciò che sto facendo perchè c’ è autonomia del Consiglio regionale…”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this