9 Dicembre 2020

Cashback Acquisti al via, «Io» si blocca

ROMA Corsa al Cashback di Stato: nel giorno di avvio del nuovo programma di rimborso che premia chi fa spese con carte, bancomat e app per i pagamenti elettronici si registra un vero e proprio boom di carte registrate con quasi 2,3 milioni di strumenti di pagamento attivati sia tramite la «App Io», sia attraverso i ca- alternativi messi a disposizione degli altri operatori. Nonostante rallentamenti e disagi della vigilia, proseguiti quasi per tutto il giorno, nella sola app per i servizi digitali della pubblica amministrazione sono state caricate 1.157.840 carte di debito e carte di credito cui si aggiungono 122.685 carte pagoBancomat E se Io tocca nel primo giorno del Cashback i 7,6 milioni di download, con 2,3 milioni di utenti attivi nelle ultime 24 ore e picchi di oltre 14mila operazioni al secondo, anche gli altri canali non sono da meno. Satispay, la fintech italiana dei pagamenti digitali, ha raddoppiato le iscrizioni dal 4 dicembre a oggi, superando le 5mila nuove al giorno. Di prima mattina, prova empirica, la fila per la verifica dei dati e l’abilitazione al servizio segnava il numero 4.342 Chi è un neofita quindi dei pagamenti via app dovrà aspettare qualche giorno per partire col cashback, mentre tra gli utenti che già utilizzavano Satispay, circa 1,4 milioni, già il 30% nel primo giorno ha attivato il programma. Insieme agli altri operatori che già rendono disponibile il servizio – attualmente Nexi, Hype e Banca Sella – i canali alternativi alla app pubblica hanno registrato l’attivazione di 975.573 strumenti di pagamento elettronici. «Certo, oltre al meteo e alle restrizioni anti- a pesare sull’avvio dell’operazione sono stati i rallentamenti sulla app Io, già stigmatizzati dal Codacons che ha presentato un esposto per interruzione di pubblico servizio. Per sapere in quanti hanno già fatto le prime spese utili ad accumulare transazioni per i rimborsi bisognerà aspettare qualche giorno: dati saranno aggiornati via via e – sulla app Io ma anche sulle altre – si potrà consultare il proprio «contatore» per vedere quanto rimborso spetta e a che punto si è della classifica nell’utilizzo delle carte: partire da gennaio, oltre al cashback standard del 10% (massimo 150 euro su massimo 1.500 euro di spesa) si concorrerà anche per guadagnarsi il supercashback, ovvero un rimborso da 1.500 euro a semestre previsto per i primi 100mila utilizzatori delle carte. Per partecipare al programma basta essere maggiorenni e titolari di strumenti di pagamento elettronico. Se si sceglie la via pubblica bisogna munirsi di Spid, scaricare la app Io e registrarsi, confidando sul fatto che passati i primi entusiasmi i flussi rallentino.
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox