4 Aprile 2015

Case: in un anno prezzi giù del 4,2%

Case: in un anno prezzi giù del 4,2%

ROMA II Tra il 2010 e il 2014 i prezzi delle abitazioni sono calati dell’ 11,5% e solo nell’ ultimo anno c’ è stata una riduzione del 4,2%, secondo gli ultimi dati Istat. Il mercato immobiliare è allo stremo a causa delle tasse, attacca Confedilizia, che sono quasi triplicate dal 2011. La colpa è dei mutui impossibili da ottenere, interviene il Coda cons. E poi ci sono i costi di mantenimento, osservano Federconsumatori e Adusbef, che nonostante un calo del 2% rendono la casa «uno dei problemi principali delle famiglie». Le due associazioni dei consumatori stimano che quest’ anno per mantenere un’ abitazione di proprietà ci vorranno 1.151,20 euro al mese (25,19 in meno che nel 2014) e per una casa in affitto saranno necessari 1.693,45 euro (32,69 in meno che nel 2014). Diminuiscono infatti i tassi dei mutui e gli affitti e calano i costi energetici, ma queste riduzioni sono in parte compensate dai rincari del servizio idrico e dalla Tari. Un discorso a parte meritano i mutui che, ricorda il Codacons, sono calati del 72% tra il 2007 e il 2013 e nel2014hanno avuto un’ inversione di tendenza «del tutto insufficiente a far riprendere il mercato». Invece, secondo Confedilizia, sono le tasse le principali responsabili della crisi, iniziata nel 2012 «l’ anno di introduzione dell’ Imu». Il calo del 4,2% dei prezzi indicato dall’ Istat sarebbe persino sottostimato.•
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox