7 Agosto 2009

Carspac 1, attesa per i rimborsi Il portavoce Cellini: “Ora l’ultima tranche dei risarcimenti”

 
TERMINATA a giugno l’erogazione dell’ultima tranche a rimborso dei risparmi dei soci ex Coopcostruttori, il Carspac 1, quella parte cioè del comitato soci sovventori che non ha aderito al Codacons, guarda avanti. E pensa già a fine agosto e ai risarcimenti che ancora spettano ai soci. VUOL MANTENERE i rapporti con LegaCoop, tende l’orecchio verso le aule del tribunale di Ferrara, e segue con interesse le procedure degli amministratori straordinari. Ma punta soprattutto sulle istituzioni locali. Ed in particolare «ad un loro coinvolgimento – spiega il portavoce Valerio Cellini (nella foto) – affinchè si faccia pressione nei confronti della LegaCoop, per mettere in campo un terzo tempo nella partita dei risarcimenti. Un’ultima tranche che chiuda in modo soddisfacente la ferita aperta». SU QUESTO FRONTE, già ad inizio estate, i vertici di LegaCoop, col presidente Paolo Cattabiani in testa, avevano manifestato buoni propositi. «Ma sembra – continua Cellini – che l’operazione prevista non sia andata in porto, e che ora si confidi in un intervento alternativo». I soci chiedono di scrivere nel migliore dei modi la parola fine sulle restituzioni dei soldi versati nei libretti di deposito ed in azioni apc: circa 83.000.000 di euro iniziali ora ridotti dal 42,5% al 50%. PERCENTUALI inferiori invece per gli iscritti al Carspac 2, che si sono costituti parte civile nel processo sul crac, per i quali l’intervento di recupero firmato da LegaCoop è stato sospeso. SOSPESA al momento anche la sottoscrizione del documento, una sorta di ricevuta, che certifica l’importo delle somme reintroitate. Nulle ormai le speranze sui fondi dormienti statali. Mentre si confida in un fondo di garanzia cooperativo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox