7 Febbraio 2002

Caro-verdura: due commercianti indagati

Caro-verdura: due commercianti indagati


Adesso il fascicolo aperto dalla procura milanese sul caro-verdura registra anche due bersagli precisi. Due commercianti infatti, sono finiti indagati per aggiotaggio.

Maggioravano i prezzi del 50%.




MILANO – Due commercianti milanesi, denunciati dalla polizia Annonaria, sono finiti iscritti al registro degli indagati per aggiotaggio.


E` il primo frutto legale della denuncia del Codacons, che un mese fa aveva fatto aprire un fascicolo sul caro-verdura, e sulle denunce dei cittadini, che si erano improvvisamente trovati, nel periodo delle gelate invernali, a fare i conti con i prezzi delle verdure alle stelle.


Ora, il pm milanese Giulio De Benedetti, titolare del fascicolo, ha deciso che per almeno due venditori di frutta e verdura, sorpresi a maggiorare i costi del 50 per cento rispetto al prezzo corrente, può scattare il capo d`imputazione per aggiotaggio.


D`altronde, era stato proprio il magistrato a sguinzagliare nei mercati cittadini gli uomini dei Nas, otlre a quelli della vigilanza urbana e perfino della Guardia di Finanza, per fare luce sugli improvvisi aumenti di frutta e verdura. Per i commercianti, quei rincari, erano giustificati dalle gelate e dalla siccità che hanno flagellato il nord Italia nei mesi scorsi.


La diminuzione dell`offerta, di fronte al mantenimento della domanda, aveva fatto salire i prezzi alle stelle. I rincari registrati però, erano rimasti sotto il limite fiosologico dell`8-12 per cento. Nulla in confronto al 50 per cento registrato presso i banchi dei due inquisiti, che ora dovranno risponderne in tribunale.


Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox