fbpx
1 Maggio 2013

Caro-benzina, Riesame «boccia» il Codacons L’ inchiesta sui prezzi non tornerà a Varese

Caro-benzina, Riesame «boccia» il Codacons L’ inchiesta sui prezzi non tornerà a Varese

VARESE  IL CODACONS esce «sconfitto» dall’ aula del tribunale del Riesame, chiamato a valutare un’ istanza sul caso caro-benzina. Il collegio guidato dal presidente Anna Giorgetti, infatti, ha sciolto la riserva sull’ azione promossa dall’ associazione consumatori, giudicandola inammissibile per questioni procedurali. Il gruppo, in sostanza, aveva chiesto che gli atti dell’ inchiesta, trasmessi alle procure di Roma e Milano dopo un’ ordinanza del gip varesino Giuseppe Battarino, tornassero in piazza Cacciatori delle Alpi, consentendo così all’ ufficio inquirente bosino di valutare la possibilità di sequestrare i contratti d’ acquisto dei carburanti stipulati dalle sette compagnie petrolifere finite sotto la lente. DATO che però il giudice stesso, nell’ ordinanza, si è proclamato incompetente e non è entrato nel merito dei passi successivi da «consigliare» agli investigatori, pur ravvisando la fondatezza dell’ ipotesi accusatoria di manovre speculative sui prezzi, il Riesame non ha potuto far altro che «bocciare» il ricorso del Codacons. La competenza dell’ inchiesta si radica definitivamente su Roma e Milano. Alla luce di questa decisione, quindi, è possibile che il si arresti il flusso di lettere sul caso spedite in procura e nell’ ufficio gip varesini da automobilisti e benzinai. Il Codacons,preso atto della decisione, è pronto a costituirsi come parte offesa nelle procure di Roma e Milano. E.C.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox