23 Dicembre 2022

CARO-VOLI: ANTITRUST APRE ISTRUTTORIA A SEGUITO DI ESPOSTO CODACONS

 

AUTORITA’ VUOLE ACCERTARE INTESE TRA VETTORI AEREI PER MANTENERE ALTE LE TARIFFE SULLE TRATTE PER LA SICILIA

COINVOLTE WIZZAIR, ITA, EASYJET E RYANAIR

L’Antitrust vuole vederci chiaro sul caro-voli in Sicilia e, a seguito dell’esposto presentato dal Codacons lo scorso 13 dicembre, ha aperto oggi una istruttoria nei confronti dei principali vettori aerei per possibile intesa restrittiva della concorrenza.
Ne dà notizia il Codacons Sicilia, unica associazione ad aver presentato l’esposto utilizzato dall’Autorità per l’avvio delle indagini.
Nel provvedimento l’Antitrust, accogliendo le tesi avanzata dal Codacons, parla di possibile “intesa restrittiva della concorrenza nel mercato del trasporto aereo di passeggeri di linea, con particolare riferimento ai voli di classe “economy” sulle rotte definite dalle coppie di origine-destinazione alle cui estremità vi siano, da un lato, Palermo o Catania e, dall’altro, una delle seguenti città del Centro o Nord Italia: Roma (Fiumicino e Ciampino), Milano (comprensivo di Malpensa, Linate e Orio al Serio), Torino e Bologna, in violazione dell’articolo 101 TFUE”.
In particolare il Codacons segnalava presunte distorsioni della concorrenza derivanti dall’incremento dei prezzi dei biglietti aerei sulle tratte di collegamento tra le principali città italiane (Roma, Bologna, Torino e Milano) e la Sicilia in corrispondenza delle festività natalizie. Ryanair, ITA Airways, Wizz Air e EasyJet sono le principali compagnie aeree che offrono servizi di trasporto aereo nazionale verso la Sicilia, con numero di frequenze operate che varia da tratta a tratta ma che, con riferimento alle tratte più rilevanti (quali la Milano/Palermo e la Milano/Catania e la Roma/Palermo, e la Roma/Catania), può arrivare complessivamente fino a 20 voli giornalieri per tratta.
Per l’Antitrust, si legge nel provvedimento, quanto segnalato risulta “meritevole di ulteriori approfondimenti, al fine di accertare la sussistenza di possibili distorsioni del corretto funzionamento dei meccanismi concorrenziali, in violazione dell’articolo 101 TFUE. Tale distorsioni, in quanto incidenti su una variabile economica di particolare rilevanza, quale è il prezzo, risulterebbero particolarmente gravi, soprattutto nell’attuale fase di crisi, di difficoltà per i consumatori e di riduzione del potere d’acquisto dei redditi delle famiglie”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this