22 Novembre 2017

Caro conto corrente Ci salva l’ on line

Caro conto corrente, ma sempre più caro. Aumentano i canoni delle carte di credito e bancomat, salgono le spese per i prelievi al bancomat e altre operazioni allo sportello e così il costo, a carico delle famiglie, per la gestione del conto corrente bancario torna a crescere nel 2016, dopo essere sceso negli anni precedenti. L’ indagine annuale della Banca d’ Italia che passa al setaccio gli estratti conto di 13.036 conti correnti bancari e 1.040 conti correnti postali, fissa il costo annuale a 77,6 euro, 1,1 euro in più del 2015, bloccando quindi la fase di progressiva riduzione. Una fase cominciata nel 2010 e proseguita sino all’ anno scorso, durante la quale la spesa è calata del 3,4 per cento annuo per una diminuzione complessiva di 14,6 euro (era pari a 91,1 euro nel 2010). Per i consumatori si tratta di «au menti inverosimili» come ha detto l’ Unione Consumatori o dell’ effetto «dei salvataggi bancari che vengono addebitati sui clienti» (Codacons). L’ indagine, se conferma il più basso costo dei conti postali (anche per il minor numero di servizi offerti) per la prima volta analizza anche 836 conti on line non riferibili a sportelli e da lì emerge la loro convenienza. La spesa media per chi sceglie di accedere al conto via Pc o smartphone è di 14,7 euro l’ anno. Merito della mancanza del canone di base, dal cui pagamento è esente oltre il 95 per cento della clientela on line (contro circa un terzo della clientela tradizionale) dalle spese di scrittura, completamente gratuite e dalle commissioni sulle disposizioni, generalmente molto più vantaggiose per i conti on line, soprattutto per le operazioni effettuate su canali alternativi allo sportello. Insomma, la morale è sempre quella: chi fa da sé….
diego de ponti

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox