15 Giugno 2021

Caro carburanti: benzina e gasolio alle stelle, l’impatto sulle vacanze degli italiani

Il ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato i dati settimanali sui prezzi dei carburanti, stabilendone l’aumento. La benzina tocca 1,605 euro al litro, mentre il gasolio 1,465 euro, entrambe in modalità self service. Cifre record che per la benzina non venivano raggiunte dal 20 giugno 2019, quando aveva sfiorato i 1,606 euro al litro.

I dati di UNC e Codacons – Il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona, sostiene che da inizio anno, in cinque mesi, un pieno di 50 litri è aumentato di 8,20 euro per la benzina e 7,29 euro per il gasolio, che su base annua diventano 197 e 175 euro. I rincari degli ultimi 5 mesi corrispondono rispettivamente all’11,4% e all’11,1%. Sempre Dona precisa che il 15 giugno 2020 la benzina era a 1,378 euro al litro, il gasolio a 1,266. Rispetto all’anno scorso, un pieno di benzina costa 11 euro e 36 centesimi in più, e uno di gasolio 10,80. Nel corso di questi 12 mesi i prezzi sono quindi aumentati del 16,5% (benzina) e 17,3% (gasolio). Prezzi che annualmente diventano 273 euro in più per la benzina e 259 per il gasolio.

Anche il Codacons denuncia il caro carburanti: “Da due anni e mezzo l’inflazione non raggiungeva certi livelli, ma sulla forte ripresa dei prezzi al dettaglio pesa come un macigno la corsa dei beni energetici, con i carburanti che alla pompa costano oltre il 16% in più rispetto allo scorso anno,” spiega il presidente Carlo Rienzi. Il comparto trasporti, a maggio, segna una crescita record del 4,8%, equivalente a una maggiore spesa di 166 euro annui per spostamenti della famiglia “tipo”, e uno di 259 euro per un nucleo familiare con due figli.

L’impatto sulle vacanze degli italiani – Le vacanze degli italiani saranno dunque all’insegna di un rincaro dei carburanti esemplare. Più di 8 italiani su dieci che quest’estate hanno deciso di spostarsi con i propri mezzi, si vedranno impattati dal rincaro. Lo comunica Uecoop (Unione europea delle cooperative) in riferimento ai dati Istat di maggio 2021, che vedono il prezzo di un pieno di gasolio per un’auto di media cilindrata salire a 78 euro e 85 euro per la benzina.

“Il pieno degli italiani è fra i più cari al mondo,” conclude Uecoop, “con il costo dei carburanti che segue sempre in maniera rapidissima l’aumento del prezzo mondiale del petrolio, che rimane sui massimi degli ultimi anni sui mercati asiatici, mentre non altrettanto velocemente retrocede quando le quotazioni dell’oro nero scendono. Una situazione che ha pesanti ripercussioni sui bilanci di imprese e famiglie e rappresenta un freno alle possibilità di rilancio del Paese con l’avanzare della campagna di vaccinazione”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox