7 Marzo 2012

Cardarelli, arrestato primario di ortopedia Li mandava in clinica

Cardarelli, arrestato primario di ortopedia Li mandava in clinica

. FELICE DIOTALLEVI Se sono necessari anche dei mesi per poter effettuare una visita specialistica o un intervento chirurgico in una struttura sanitaria pubblica, può accadere che il paziente sia allettato dallaproposta di medici poco scrupolosi di affrettare i tempi passando ad una struttura privata (a prezzi assurdi, 2 mila euro per un gesso, 4 mila per un’ operazione al femore). Naturalmente dietro adeguato pagamento. E se ciò accade, è anche perchè mancano i controlli per impedire questo «travaso» di pazienti dal pubblico alla libera attività professionale dei medici. È quanto accadeva, ad esempio, all’ ospedale Cardarelli di Napoli, dove un’ inchiesta dei carabinieri del Nas e Guardia di finanza ha portato oggi all’ arresto del primario di Ortopedia, Paolo Jannelli. Misure cautelari sono state decise dalla Procura di Napoli per tredici medici e paramedici accusati di concussione, abuso d’ ufficio, falso e truffa a danno della Pubblica amministrazione. In manette Iannelli, ai domiciliari il fratello: Avrebbero dirottato verso la clinica privata Villa del Sole (di proprietà dello stesso Jannelli!) pazienti dell’ ospedale Cardarelli. Plauso per l’ operazione è giunto dal ministro della Salute, Renato Balduzzi: «È stato colpito il malaffare in sanità», ha affermato, sottolineando la necessità di «tenere altissima la guardia perché le tentazioni sono molteplici, e l’ operazione di Napoli è IL CASO emblematica perché ha permesso di far luce su una rete preoccupante di medici, paramedici e amministratori e assicurare alla giustizia professionisti che hanno inquinato le relazione tra medico e paziente costruendo un sistema di illegalità nelle prestazioni sanitarie in regime di intramoenia». Proprio il sistema dell’ intramoenia finisce oggi sotto accusa: in vigore è, infatti, la cosiddetta intramoenia allargata, cioè la possibilità per i camici bianchi dipendenti del Ssn di praticare la libera professione fuori dalle strutture pubbliche qualora queste ultime non abbiano predispostogli spaziadeguati. Il decreto Milleproroghe fissa però al 30 giugno 2012 il termine per tale regime transitorio. Dopo tale data i medici dovrebbero dunque svolgere attività dipendente e “privata” sempreall’ interno deinosocomi. Fino ad allora, sostiene ad esempio il Codacons, sarà difficile bloccare il meccanismo di “dirottamento” dei pazienti verso le cliniche private: «Il fenomeno – avverte l’ associazione – è molto esteso». È «chiaro che l’ applicazione della legge 120 del 2007 sulla libera professione intramoenia non può più essere rimandata. Si sta permettendo da troppo tempo a pochissimi medici meno virtuosi di fare dieci prestazioni negliospedali pubblici ecento nel proprio studio o nella propria clinica privata, a scapito dell’ universalità di accessoalle cure garantitadal nostro servizio sanitario nazionale», afferma ilpresidente della Commissione d’ inchiesta sul Ssn Ignazio Marino. Intanto il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici, Amedeo Bianco, ha precisato che, per i medici coinvolti, è scattata la sospensione dall’ Albo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox