20 Ottobre 2021

Carburanti, 414 euro in più l’anno

 

 

Non è solo un problema legato ai fortissimi rincari subiti dal metano.E’ iniziato un periodo duro per tutti gli automobilisti, perfino per quelli che usano le auto elettriche che scoprono, ogni giorno che passa, di essersi illusi di poter risparmiare rispetto a tutti gli altri. Il peggio tocca comunque a chi viaggia a benzina, che di questo passo dovranno affrontare un incremento dei costi medi, per l’acquisto del carburante, di ben 414 euro l’anno. Secondo i dati settimanali del ministero della Transizione Ecologica, salgono ancora, infatti, anche i prezzi dei carburanti “tradizionali” che si attestano, in modalità self service, a prezzi medi di 1,734 euro al litro per la benzina,a 1,593 euro per il gasolio e a 0,818 euro per il Gpl. Di più, ovviamente, per il servito per il servito. “Dopo che la settimana scorsa la benzina aveva sfondato la soglia di 1,7 euro al litro, non si arresta la corsa dei carburanti, con il Gpl che varca il primato degli 80 cent al litro e il gasolio che sfiora 1,6 euro. In particolare,la benzina raggiungendo i 1,734 euro al litro, segna un nuovo record dal 15 settembre 2014, ossia oltre 7 anni fa, quando svettò a 1735 euro al litro, il gasolio arrivando a 1,593 euro al litro tocca il valore massimo dal 13 ottobre 2014, 7 anni fa, quando si attestò a 1.599 euro al litro, mentre per il Gpl, ora a 818 euro al litro, bisogna tornare addirittura al 10 febbraio 2014 per trovare un valore più alto, 821 euro al litro. In un anno il Gpl è più caro del 38%. Un intervento del Governo per sterilizzare gli aumenti, riducendo le accise, non è più rinviabile” denuncia Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Dall’inizio dell’anno, dalla rilevazione del 4 gennaio, ossia 9 mesi e mezzo, un pieno da 50 litri è aumentato di 14 euro e 62 cent per la benzina e di 13 euro e 71 cent per il gasolio, con un rialzo, rispettivamente, del 20,3 e 20,8%. Su base annua è pari a un rincaro ad autovettura pari a 351 euro all’anno per la benzina e 329 euro per il gasolio” prosegue Dona. “In un anno, dalla rilevazione del 19 ottobre 2020, quando la benzina era pari a 1.389 euro al litro e il gasolio a 1.260 euro al litro, un pieno da 50 litri costa 17 euro e 24 cent in più per la benzina e 16 euro e 64 cent in più per il gasolio, con un’impennata, rispettivamente, del 24,8% e del 26,4%. Un balzo che equivale, su base annua,a una stangata pari a 414 euro all’anno per la benzina e a 399 euro per il gasolio” conclude Massimiliano Dona.
ntanto il Codacons – che ha realizzato uno studio per verificare come le tensioni nel settore dell’energia, dei carburanti e delle materie prime potrebbero ripercuotersi negativamente anche in altri settori – fa notare che si rischia un Natale di forti rincari anche per i regolari e le spese delle famiglie legate alle prossime festività.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox