4 Giugno 2014

Caos normativo sulle multe da sosta: sempre più ?furbetti’ con il passaparola

Caos normativo sulle multe da sosta: sempre più ?furbetti’ con il passaparola

di VINCEZO MALARA SARÀ uno dei primi atti di cui dovrà farsi carico la nuova amministrazione: decidere se multare o meno chi ?sfora’ il ticket della sosta a pagamento. In attesa che Anci e ministero dei Trasporti giungano a una decisione chiara, da due mesi il Comune di Modena ha scelto in via precauzionale la sospensione delle sanzioni a quegli automobilisti che prolungano il parcheggio oltre l’ orario indicato sul biglietto. Una soluzione saggia che, però, rischia di azzoppare non di poco il bilancio (e i conti di Modena Parcheggi), dove le sole sanzioni sulle strisce blu hanno un peso quantificato in circa 700mila euro annui. Stando a quanto raccontato da alcuni ausiliari del traffico, infatti, starebbero aumentando in maniera esponenziale i cosiddetti ?furbetti’, ovvero quei modenesi che, sapendo della sospensione, infilano nel parchimetro solo il corrispettivo della sosta minima, che in molte zone a ridosso del centro non supera i 20 cent. NULLA VIETA poi all’ automobilista di ?rubare’ qualche minuto in più, visto che è sufficiente esporre il ticket sul cruscotto per evitare l’ intera multa da 28 euro. Nulla cambia, invece, per chi si ostina a non pagare nulla: per loro la sanzione è assicurata. «I primi giorni non sembrava essere cambiato nulla e difficilmente riscontravamo sforamenti eccessivi, ma da qualche settimana deve essere partito il passaparola: ticket scaduti anche da tre ore», racconta un ausiliare impegnato a controllare le auto parcheggiate lungo viale Martiri della Resistenza. «Rispetto a prima, le multe sono decisamente calate perché possiamo sanzionare soltanto chi non versa nemmeno un centesimo nei parchimetri». A fine marzo, incalzato anche dal Codacons pronto a promuovere una raffica di ricorsi, il Comune aveva deciso di prendere tempo, comunicando «una sospensione temporanea in attesa di realizzare gli approfondimenti necessari per fare chiarezza rispetto alla regolamentazione della sosta nei parcheggi con le strisce blu oltre il termine per cui si è pagato». L’ indicazione arrivata recentemente dal ministero dei Trasporti è chiara: «Più volte è stato espresso nel tempo il parere che, nel caso di sosta illimitata tariffata, il pagamento in misura insufficiente non costituisca violazione di una norma di comportamento, ma configuri unicamente una ?inadempienza contrattuale’». Pertanto, l’ inadempienza «implica il saldo della tariffa non corrisposta». Come detto in apertura, il confronto tra Anci e dicastero prosegue: da risolvere resta la modalità di riscossione dei minuti scoperti dal ticket, che di fatto va a stravolgere l’ impianto sanzionatorio in vigore fino ad oggi. Non è escluso, poi, che il Comune possa studiare forme alternative per punire i trasgressori, ma in quel caso bisognerà spiegare in maniera convincente ai cittadini perché non si seguono le disposizioni generali. E sotto la Ghirlandina non sarà facile, in quanto il Piano sosta è da sempre uno dei temi che più fa arrabbiare i modenesi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox